Home > Report Live > Giancane in concerto a Roma: report live

Giancane in concerto a Roma: report live

Mancava da almeno 4 mesi un concerto come quello di ieri giovedì 7 dicembre, di quelli che riunisce la “bella Roma cafona” sotto lo stesso tetto e ai piedi dello stesso palco per gridare e “pogare” in vero stile folk n’roll. Questo è l’effetto Giancane, del quale ovviamente eravamo già consapevoli da un po’ di tempo, soprattutto se si è un habitué di quel panorama musicale romano che negli ultimi anni ha inaugurato una vera e propria “nuova stagione” della canzone d’autore: provocatoria e di estrazione puramente popolare. Si pensi a Il Muro Del Canto, di cui tra l’altro il buon Giancarlo Barbati già fa parte vantando una più che discreta produzione musicale. Stavolta, il Monk Club delle grandi occasioni ha prestato il suo palcoscenico in occasione della presentazione di “Ansia e Disagio” (uscito il 24 novembre per Woodworm Label , a due anni dal precedente “Una Vita al Top” del 2015), l’ultima fatica discografica di Giancane già entrata perfettamente nel cuore e nelle ugole dei fan. Nonostante il “classico ritardo rituale”, lo show esplode subito in tutta la sua energia annunciando quello che per più di un’ora si rivelerà un vero e proprio assedio del Circolo Arci di Portonaccio. Giancarlo e il suo pubblico diventano già dalle prime canzoni una cosa sola, regalando allo stesso cantautore calore e ben più di un’emozione, come del resto solo la “gente di casa tua” sa fare (e i romani si sa non sono mai “tirchi” in questo). C’è tempo durante il concerto persino di dividere il palco con il collega Lucio Leoni (per uno dei brani contenuti nel nuovo LP, “Adotta un Fascista”), ringraziare qualche amico-collaboratore presente in sala come Gabriele Rubini (alias Chef Rubio, che ha prodotto il video di “Limone”) e, sostanzialmente, fare una sana terapia di gruppo in puro stile folk, in grado di sputare fuori tutta “l’ansia e il disagio” che ciascuno dei presenti si portava appresso. Sì, Giancane è mancato davvero alla sua gente negli ultimi mesi, con tutto il suo umorismo provocatorio e la spiccata romanità che per il prossimo anno lo vedranno portare in giro il suo progetto musicale nelle città di Milano, Torino, Bologna, Napoli e altre ancora. A noi non resta che tenerci stretta tutta l’energia accumulata durante la serata, tenere in caldo le corde vocali (sgrassate comunque a dovere tra birre e cocktails) per il prossimo concerto del buon Giancarlo e prepararci con la giusta dose d’amore per questo Natale prossimo venturo. Magari con una bella Peroni da 66cl in frigo!

Scroll To Top