Home > Recensioni > Giorgia: L’Apparenza Del Compromesso
  • Giorgia: L’Apparenza Del Compromesso

    Giorgia

    Loudvision:
    Lettori:

Dietro il compromesso

Il demone tunz-tunz si è impadronito di Giorgia lasciandoci per un’intera estate in balìa di “Il Mio Giorno Migliore”, singolo di lancio scelto per promuovere un ritorno in pompa magna.

“Dietro le apparenze” segue di quattro anni l’ultimo album di inediti della cantautrice romana che dopo un cambio radicale all’interno del suo entourage, si ripresenta sulla scena musicale forte della collaborazione con Emanuel Lo, Marina Rei e Jovanotti in veste di autori.

Il valium-duet con Eros Ramazzotti dovrebbe rappresentare la punta di diamante di un lavoro che ha molte pretese ma che oscilla per metà ondivago e senza un percorso plausibile. Tanta stima per Giorgia, non per i suoi testi in questo album.

Evitando di richiamare vecchi fasti (il concerto all’Umbria Jazz con Herbie Hancock per esempio) e cercando di comprendere la volontà di evoluzione di quella che è ancora oggi è la miglior voce italiana, restano la sorpresa e la perplessità per la mancanza di idee . Della Giorgia che sapeva incrociare le sue anime musicali facendo incontrare creativamente il pop e il soul, vi sono poche tracce. “Dietro Le Apparenze” suona di compromesso; noi ci aspettavamo qualcosa in più.

Pro

Contro

Scroll To Top