Home > Recensioni > Girlschool: Hit & Run – Revisited
  • Girlschool: Hit & Run – Revisited

    Girlschool

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Le ragazze colpiscono ancora

Le Girlschool, la più longeva band al femminile nella storia del rock, arrivarono al successo con i loro primi tre album durante l’esplosione della NWOBHM, fra cui il più famoso fu “Hit & Run”; per celebrarne i trent’anni la band ha deciso di registrarlo nuovamente con due bonus track.

La formazione è per tre quarti originale, l’esecuzione dei pezzi fedele, cambia invece – in meglio- la qualità del suono.

La band, assieme ai Motorhead, era fautrice di un hard & heavy sporco e veloce, influenzato dal punk, ma nelle registrazioni originali il sound grezzo era ottenuto a discapito dell’impatto sonoro. La nuova registrazione invece restituisce potenza alle canzoni senza essere troppo ripulita.

Le Girlschool hanno fatto una scelta rischiosa: registrare dopo trent’anni un album considerato il loro classico, poteva facilmente risultare come un’inutile operazione commerciale. In questo caso invece il risultato è positivo: ridare alle canzoni la giusta potenza d’impatto che mancava all’originale. E anche se questo ha comportato un sound un po’ più pulito, i benefici sono decisamente maggiori dei costi.

Pro

Contro

Scroll To Top