Home > Recensioni > Giulia’s Mother: Here
  • Giulia’s Mother: Here

    INRI / none

    Data di uscita: 13-10-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Il 13 ottobre esce il secondo album dei Giulia’s Mother, Here, pubblicato da INRI. Dopo il successo di Truth, il duo italiano composto da Andrea Baileni e Carlo Fasciano continua il suo viaggio concettuale tra i suoni scegliendo la stessa modalità di registrazione del disco di debutto – in presa diretta, senza manipolazioni in studio, eseguendo solamente quello che è riproducibile dal vivo. Here è un disco malinconico dal sound pieno ed avvolgente, difficile da credere che abbiamo a che fare con un duetto, e non con una band più complessa.
Le 12 tracce registrate negli Studi Andromeda di Max Cassacci (Subsonica) scorrono lentamente formando un insieme interessante ma ogni tanto leggermente crudo. Prevalgono i toni dolci folk rock à la Bon Iver come in Everything We Need o Memory ma non mancano sorprese come Orion, la traccia decisamente più dark e aggressiva.

E alla fine arriva anche la sorpresa più grande: l’unica traccia in italiano, ma decisamente uno dei brani più riusciti dell’album. Dopo il successo del debutto e i paragoni con artisti internazionali come Bon Iver, James Blake o Anthony and the Johnsons (il primo, secondo me abbastanza azzeccato, gli altri due un po’ meno) le aspettative erano alte e Here sembra essere una buona risposta: un album sincero e intimo, in equilibrio tra post rock e folk. La direzione è quella giusta.

Tracklist:

1. Here

2. Event Horizon

3. Everything We Need

4. Past

5. Memory

6. We Are Free

7. Consciousness

8. Orion

9. Closeness

10. Who Are You?

11. Oltre

12. Long Long Long (The Beatles cover) – ghost track

Pro

Contro

Scroll To Top