Home > Recensioni > Gli Amanti: Gli Amanti
  • Gli Amanti: Gli Amanti

    Gli Amanti

    Loudvision:
    Lettori:

Senza discriminazioni

Nascono nel 2011 nella grigia città meneghina, parlano soltanto in italiano, ma, a detta loro, amano in tutte le lingue del mondo.
Gli Amanti sono Domi Tinelli, Piero D’Aprile e, non da meno, Fabio Sanna: tre musicisti ancora più giovani che maturi, sicuramente decisi sul da fare.

Questo EP mostra l’attitudine del trio alla canzone cantautorale e al rock cresciuto a stretto contatto con il folk, da cui ha di certo ereditato la delicatezza e l’uso della strumentazione. Il pianoforte spicca sopra tutto in “Bonjour”, mentre la chitarra acustica fa da padrona in “La Primaveragattanera”.
I tre non viaggiano con i paraocchi, bensì cercano il confronto con le realtà internazionali, cosa che si percepisce nell’apertura, “La Differenza”.

La musica de Gli Amanti ha un tocco di raffinatezza che un pochino ricorda lo snobbismo dei Baustelle (“Camper 42″ è il paradigma assoluto), e al contempo il realismo delle storie umane che tanto caratterizza le parole dei cantautori che hanno fatto la storia della musica italiana.
Si tratta solo di un EP, noi attendiamo grandi cose da costoro.

Pro

Contro

Scroll To Top