Home > Rubriche > Music Industry > Gli incentivi di Stato sono illegittimi

Gli incentivi di Stato sono illegittimi

Con una sentenza pubblicata lo scorso 28 luglio, la Corte di Giustizia Europea ha stabilito che gli aiuti di stato, concessi per l’acquisto di decoder adibiti alla sola ricezione del digitale terrestre, sono illegittimi. Tanto perché la misura ha indirettamente favorito i broadcaster delle frequenze digitali, spingendo i consumatori verso questo tipo di servizio, a scapito delle aziende operanti sul satellite.

Lo Stato italiano dovrà, quindi, recuperare il denaro elargito, chiedendolo alle emittenti che, seppur indirettamente, ne hanno beneficiato.

La querelle ha inizio nel 2004, quando è stato previsto un contributo di € 150,00 per l’acquisto di ciascun decoder per la ricezione in digitale. La finanziaria del 2005 ha confermato il provvedimento, sebbene in misura ridotta: il contributo è sceso a € 70,00. Così, alcune emittenti operanti sul satellite, come Centro Europa 7 S.r.l. e Sky Italia S.r.l., hanno presentato degli esposti alla Commissione Europea, lamentando una distorsione del regime di concorrenza.

L’articolo prosegue sul blog dello studio legale Greco a questo indirizzo.

Scroll To Top