Home > Rubriche > Music Industry > Gli strumenti per combatterla ci sono, ma…

Gli strumenti per combatterla ci sono, ma…

È tempo di crisi anche per gli extracomunitari che vendono DVD pirata. L’altro giorno, uno di questi, che in pieno centro aveva allestito la sua bancarella, è stato persino ignorato da due agenti, passati di là senza dargli confidenza. Fossi stato nel pirata mi sarei preoccupato. E infatti una ragione di che preoccuparsi c’è. Almeno per chi smercia le pellicole dell’ultimo momento.

Tempo di fare i conti con la concorrenza anche per la pirateria. E questa volta l’industria dei contenuti ha capito che, per combattere il nemico, bisogna adottare le sue stesse armi: prezzi e velocità.

Chi acquista un film pirata paga circa 5 euro e ha scarse possibilità di godersi una visione o un’acustica decente. Inoltre, quasi sempre il supporto è graffiato o sporco di polvere, il che lo rende potenzialmente dannoso per la lente ottica del lettore di casa.

Il vantaggio del file contraffatto, tuttavia, sta ancora…

L’articolo prosegue per “La Legge per tutti” a questo indirizzo

Scroll To Top