Home > Recensioni > Gluecifer: Basement Apes
  • Gluecifer: Basement Apes

    Gluecifer

    Loudvision:
    Lettori:

Conquisteranno lo scettro?

I Gluecifer sono tornati. Sono di nuovo tra di noi con l’intento di conquistare lo scettro di miglior rock & roll band contemporanea, per il momento, stabilmente nelle mani dei loro cugini svedesi The Hellacopters. Questo nuovo “Basement Apes” è un disco fresco, dinamico e frizzante che sicuramente farà strage di cuori fra gli amanti di queste sonorità. Una sezione ritmica essenziale e trascinante, delle chitarre in bella evidenza e la voce carismatica di Biff Malibu saranno gli ingredienti di questo cocktail che vi inebrierà al primo sorso, pardon, ascolto, facendovi dimenare il capoccione nel vortice sfrenato del Rock & Roll. La iniziale “Reversed” è una bomba ad orologeria pronta ad esplodervi in faccia, con un riff iniziale di chitarra e un refrain vocale da urlo; “Brutus” con il suo hammond e la sua velocità mi ha addirittura ricordato qualcosa dei New Bomb Turks di “Scared Straight”, mentre il primo singolo estratto, “Easy Living”, è in pratica una song perfetta per come riesce a coniugare abilmente aggressività e ruffianeria easy-listening da classifica. Anche tutte le altre canzoni scorrono senza intoppi o forzature per tutta la durata di “Basement Apes” e io mi limito a segnalarvi ulteriormente “Little Man”, canzone davvero particolare per il combo in questione, fatta per la maggior parte dalle sole chitarre e voce, che ci mostra un lato inaspettato dei Gluecifer, che si spingono addirittura su territori quasi dark (!!!), per l’impostazione, l’interpretazione e il feeling che pervadono la canzone. Disco quasi perfetto dunque questo nuovo “Basement Apes” anche se dei piccoli difetti sono sicuramente presenti e sono riscontrabili, a mio modo di vedere, nella eccessiva pulizia della produzione, che non fa trasparire tutta la carica live che un gruppo del genere ha nel proprio dna. Sicuramente una produzione calibrata, pregevole ed equilibrata ma che forse, se fosse stata un po’ più sporca e resa un pochino meno “plastificata”, avrebbe aggiunto molta aggressività al lavoro in questione. Lo scettro e la corona da oggi sono vacanti, a voi la scelta se affidarli ai Gluecifer oppure no.

Scroll To Top