Home > Recensioni > Goldfrapp: Tales Of Us
  • Goldfrapp: Tales Of Us

    Goldfrapp

    Loudvision:
    Lettori:

Racconti Fatati

Stupore, meraviglia, attesa: ecco gli ingredienti che una fiaba dosa con sapienza per incantare i suoi lettori.
Tales Of Us“, il sesto lavoro del duo inglese, sembra muoversi su terreni simili, raccontando con meraviglia, stupore ed attesa crescente, 10 esistenze diverse, tante quante sono le tracce e i nomi propri che le battezzano.
“Jo”, “Annabel”, “Alvar”… da semplici titoli, divengono cantori dell’esistenza umana, l’essenza stessa del disco. Lasciate entrare “Laurel” e “Drew”, le loro delicate melodie somigliano a nuvole di vento, di contro “Clay” avanza su ritmi sincopati, simili al battito cardiaco.
… Stavolta Goldfrapp ha deciso di superarsi, narrandoci una storia speciale: la nostra.

È la capacità di rinnovamento che anima i lavori di Alison Goldfrapp: dal trip-hop, all’electro, passando (perché no?) dal glam rock, fino a sconfinare nelle atmosfere da fiaba del dream-pop.
Il disco è l’ennesima prova che questa donna può far tutto – e in maniera eccellente – padroneggiando senza paura stili, sensazioni, ambiti diversi.
Stavolta tocca all’intimismo, all’esistenza umana, ma basta ascoltare “Tales Of Us“, per dichiarare la sfida superata egregiamente.
Applausi!

Pro

Contro

Scroll To Top