Home > Recensioni > GPL: Phoenix
  • GPL: Phoenix

    GPL

    Loudvision:
    Lettori:

Charizard

Il GPL da oggi non potrete metterlo in macchina solo come carburante, potrete anzi inserirlo nel vostro mangiacassette sotto forma di accompagnamento per scampagnate automobilistiche.
Parliamo di una band italiana dedita all’hardcore grezzo, per nulla bisognoso di labor limae e senza dubbio influenzato dal panorama internazionale (gli Offspring vi dicono qualcosa?).

Cinque sono i brani che compongono la fenice, simbolo di rinascita e rinnovamento che, però, non arrivano così chiari all’orecchio.
Innegabile è che il gruppo abbia un’energia e un fomento invidiabili, nonché un certo occhio per riff accattivanti di chitarra.
Nulla di nuovo all’orizzonte, ma a suo modo con un perché.

Chi apprezza il genere ed è inoltre un grande sostenitore della musica nostrana non potrà fare altro che godersi questo piccolo assaggio di GPL- non vi stiamo incitando a trincare dalle stazioni di servizio, sia chiaro.
Ci spiace che non si riesca a evincere un’enorme differenza rispetto a band colleghe, ma ci auguriamo miglioramenti per il futuro.

Pro

Contro

Scroll To Top