Home > Recensioni > Graham Coxon: The Spinning Top
  • Graham Coxon: The Spinning Top

    Graham Coxon

    Data di uscita: 11-05-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Nessun luogo è come casa…

… ma alcuni luoghi sono più simili a casa di altri.
Parlando di concept album, Graham Coxon non è certo il primo nome a venire in mente. Se si poteva parlare di filo conduttore per i suoi sei (!) album precedenti, esso riguardava gli stati emotivi che sembravano connotare a grandi linee i singoli lavori. “The Spinning Top” non agisce in maniera molto diversa. Il chitarrista dei Blur, poi ex-chitarrista dei Blur, ora nuovamente chitarrista dei Blur, usa come punto di partenza lo sviluppo della vita di un uomo, ma l’evoluzione del disco è tutt’altro che omogenea, e l’impressione che trasmette è che a prendere la parola siano in molti, come se ogni stadio della vita raccontato da Coxon avesse un diverso protagonista.

Questo è solo uno dei molti aspetti che colpiscono, e risalta nello stesso modo una sorta di dialettico ritorno al folk sui generis tanto gradito: Coxon, sempre orientato sul versante acustico per i suoi progetti solisti, nel corso degli ultimi cinque anni si era prestato in maniera intelligente a un indie rock insipidino, quasi a raccogliere, fuori tempo massimo, il testimone della Londra post-Libertines.

Ora Coxon ritorna e, affiancato dall’immancabile produttore Stephen Street, salda insieme queste due nature per ottenere il suo album indubbiamente più elaborato: una collezione di pezzi tutti diversi come diversa è sempre la voce narrante, con una gamma di sonorità che va dal blues di “Sorrow’s Army” al pop contaminato di distorsioni di “Caspian Sea” e “Dead Bees” alle ballate ben proporzionate (“If You Want Me”) al brillante disimpegno in chiave Nick Drake-iana di “Perfect Love”. Ed è impossibile non menzionare “In The Morning”, per otto minuti e mezzo in bilico fra se stessa, il “White Album” e il sempre presente nume tutelare Syd Barrett.

Non per farlo infuriare, ma “The Spinning Top”, con quell’atipico senso della melodia e quei cori indefessamente pop, è l’album più bluriano di Graham Coxon.
Che si possa presagire una riconciliazione tranquilla?

Se fino a qualche anno fa i quattro Blur fossero stati caratterizzati come i personaggi di una sit-com, cosa che si è grati non si sia mai verificata, Graham Coxon sarebbe stato il personaggio sociopatico e vagamente spaventato dalle esoticità che non si muove mai di casa. Le persone cambiano: “The Spinning Top” si riempie di riverberi di sarangi e sitar ben integrati nel contesto. Buon finale di stagione.

Pro

Contro

Scroll To Top