Home > Recensioni > Gran Torino: Albero e Terra
  • Gran Torino: Albero e Terra

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 18-11-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Albero e Terra”, è l’album d’esordio dei Gran Torino, esplosivo duo bolognese, composto da Daniele Berni (voce e batteria) e Marco Paradisi (basso e chitarra). Un disco, nato e concepito, dopo circa due anni di lavoro su testi e musiche, che mantiene intatta e inalterata la propria genuinità e freschezza compositiva nonostante il lavoro accuratissimo, svolto in fase di registrazione, sugli arrangiamenti e sui suoni.

Nove tracce, introspettive e graffianti, compongono questo album dal sound inesorabilmente rock, che alterna al suo interno momenti contrastanti. L’apertura è affidata alla carica dirompente del brano, “Stesso Stampo”, in cui le chitarre “crunch”, si sciolgono in strofe dal sapore più funky, per poi riprendere l’intenzione iniziale con le successive “Segni Sulla Pelle” e “Davanti Allo Specchio”.

Intimo e poetico è il testo di “L’ago e La Penna”, canzone dai toni più dimessi ma che non scalfisce minimamente la tensione che pervade l’intero album, un titolo che si fa al tempo stesso metafora per descrivere il proprio mondo interiore: “L’ago è la penna, il filo di inchiostro per cucirmi il mondo addosso”.

Seguono l’energica, “Se Stesso Da Solo”, e il brano che dà il titolo all’album, la delicata “Albero e Terra”, che si avvale della collaborazione di Francesca Biancoli (voce), e che altro non è se non una metafora dell’amore tra due persone, la storia di una dipendenza nei confronti di un altro che prima o poi ci allontana, “lasciando al vento” le nostre radici.

“Fotografie”, scelta come primo singolo, si erge ad emblema dello stile del duo così come la successiva “Non Credere Soltanto”.

Piacevolmente inaspettata e imprevista, la ballad interamente acustica posta a chiusura dell’album, dal titolo “La Tua Risposta”, che mostra l’adattabilità di un duo che sa trovarsi perfettamente a proprio agio anche con brani dalle sonorità più dimesse.

 

 

 

 

Pro

Contro

Scroll To Top