Home > Recensioni > Green Like July: Build A Fire
  • Green Like July: Build A Fire

    Green Like July

    Data di uscita: 17-09-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Green Like July e il nuovo “Build a Fire”

“Build A Fire” è il nuovo lavoro dei Green Like July, prodotto dalla Tempesta International. La band capeggiata da Andrea Poggio e con una nuova formazione all’attivo, torna negli ARC Studios di Omaha, Nebraska, dove aveva registrato il fortunato album d’esordio “Four-Legged Fortune”. Se nel primo disco le atmosfere erano tipicamente folk, in questa nuova produzione gli orizzonti si espandono e trovano nuove vie, sicuramente anche grazie alla presenza di Gabrielli nella veste di produttore.
È un viaggio lungo 9 pezzi, per un totale di 32 minuti. Si comincia con il ritmo coinvolgente di “Moving To The City” e si termina con l’eterea ballata “Robert Marvin Calthorpe”, passando per la malinconica “Tonight’s The Night”.

Il tema del viaggio è presente in tante sfumature nel nuovo lavoro. Da una parte c’è il viaggio fisico, quello della band che prende armi e bagagli e va a registrate ad Omaha. Dall’altra c’è la dimensione stilistica, partendo dalla tradizione folk, ma con la voglia di esplorare nuove strade e nuovi arrangiamenti. Chi meglio di Gabrielli avrebbe potuto aiutarli in questa ricerca? Un disco bello, che fa venire voglia di prendere la macchina e partire. Senza una destinazione. “I’m gonna move to the city, I need a place where I can rest my heart”.

Pro

Contro

Scroll To Top