Home > Recensioni > Greenhouse Effect: Al Mio Risveglio
  • Greenhouse Effect: Al Mio Risveglio

    Greenhouse Effect

    Data di uscita: 12-12-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Postrock targato Italia

Scelta curiosa quella dei Greenhouse Effect: esordire sul mercato con un disco dal live registrato a Padova.

Curiosa ma di successo. Il loro classico post-rock targato Italia beneficia grandemente della dimensione live, che dona ampio respiro a pezzi come “Il Male In Quanto Tale”. E i riferimenti musicali del gruppo sono tanti, da quelli più scontati e nostrani come i Giardini di Mirò ad alcune intuizioni ritmiche targate Radiohead (“Colori Accesi”, il cui cantato ricorda anche gli Afterhours), fino alle chitarre di Sonic Youth e U2.

I grandi punti a favore di “Al Mio Risveglio”, invece, sono la sua varietà e l’incisività dei brani. Piuttosto che perdersi in sbrodolate di dieci/quindici minuti, i Greenhouse Effect puntano sulla concisione e l’immediatezza, scrivendo canzoni che raramente superano i cinque. D’altra parte manca ancora un po’ di personalità per potersi davvero distinguere e, soprattutto nel cantato, emerge un po’ troppo il debito nei confronti del rock alternativo italiano. Nulla che un po’ di labor limae non possa risolvere.
La speranza è di ritrovarli presto, cresciuti e pronti ad esplodere.

Scroll To Top