Home > Recensioni > Grenouille: Il Mondo Libero
  • Grenouille: Il Mondo Libero

    Grenouille

    Data di uscita: 27-11-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Julie Andrews vi fa “CIAO”

Marco Bugatti, Giuseppe Magnelli e Fabio Giussani da qualche anno fa ad oggi non hanno cambiato per nulla l’idea che avevano di chi detiene il potere, nel mondo o nel Bel Paese che sia. Questo si evince dai testi alquanto incazzosi di “Il Mondo Libero”, uscito a fine novembre dello scorso anno.

Benedetti dalla figura benevola di Julie Andrews in “Tutti Insieme Appassionatamente”, i dodici brani rockettari mostrano tutta la carica dei Grenouille che stavolta prendono di mira, fra i tanti, il Vaticano, i musicisti e i reality show.
Oltre all’astio che fa pensare, però, c’è spazio per l’amore (“La Droga Più Pesante”), per ricordare le vittime dell’olocausto (“Binario 21″) e per rivolgersi a qualcuno caduto vittima dell’alcolismo (“Solo Per Te Stesso”).

Aridaje. I Grenouille mi erano garbati quando andavo ancora al liceo, nel 2010, continuano a stupirmi (e a piacermi) adesso che faccio l’ingegnere per finta.
L’incipit di “D.S.M.” (alla Star Trek), ma che dico, il suo intero sviluppo, le sue liriche, l’apparato strumentale… insomma, TUTTO è da applausi. Vince il premio “E quanto il Vaticano ce l’ha messo dentro l’anima?”.

Pro

Contro

Scroll To Top