Home > Recensioni > Guided By Voices: Let’s Go Eat The Factory
  • Guided By Voices: Let’s Go Eat The Factory

    Guided By Voices

    Data di uscita: 01-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Signore e signori, un grande ritorno

Sedicesimo album in studio, il primo con la line-up storica dal lontano 1996 e dallo scioglimento del 2004. Scaletta quasi interminabile (ben 21 pezzi), qualità non sempre ottimale dei brani, ma perle a iosa.

Molti sono riempitivi, d’accordo. Ma è un piacere poter tornare ad ascoltare una formazione che ha fatto dell’indie e del lo-fi una propria ragione di vita. Autoprodotti, senza label di mezzo, i Guided By Voices hanno potuto esprimersi liberamente in fase di registrazione e produzione.

Il risultato è un gradevolissimo ritorno sulle scene dopo anni di buio. Ci fossero stati la metà dei pezzi forse staremmo parlando di un capolavoro, ma va bene così.

Avere la possibilità di ascoltare un disco simile nel 2012, nell’epoca dei cloni post-punk e pseudo rock and roll, è una manna dal cielo. Non perché si inventi chissaccosa, ma perché pezzi come “Doughnut For A Snowman” o “Chocolate Boy” un gruppetto uscito nell’ultimo decennio può solo ascoltarlo alla radio o ad un concerto. L’affiatamento c’è e non potrebbe essere altrimenti, i fasti degli anni ’80 e ’90 non sono poi così lontani, anche se alcuni brani lasciano l’amaro in bocca, dando un senso di incompiutezza e la sensazione che avrebbero potuto essere sviluppati meglio. Ma non siamo troppo pignoli. Prova superata, reunion promossa a pieni voti.

Pro

Contro

Scroll To Top