Home > Recensioni > Gun: Break The SIlence
  • Gun: Break The SIlence

    Gun

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Una pistola ancora carica

A ventitre anni dal loro debutto (“Taking On The World”) ecco ritornare, finalmente con un nuovo lavoro in studio, i Gun.
La band scozzese capitanata da sempre dal chitarrista Giuliano Gizzi e che da qualche anno vede alla voce il fratello Dante, si riaffaccia sul mercato con il nuovo “Break The Silence”.

Il classico british hard rock è sempre lì dove deve, con le chitarre marshallose di Giuliano in bella vista, le melodie accattivanti e catchy e qualche richiamo d’obbligo.

“Butcher Man”, la rockeggiante “14 Stations”, “How Many Roads” e l’ottantiana “No Substitute” tra i più brillanti episodi del lotto.

Bel disco che senza aggiungere nulla di nuovo al vocabolario del rock riesce a suonare fresco e vario, attingendo da hard rock, indie, rock melodico e mantenere vivo l’interesse.

Pro

Contro

Scroll To Top