Home > Recensioni > Handsome Furs: Sound Kapital
  • Handsome Furs: Sound Kapital

    Handsome Furs

    Loudvision:
    Lettori:

Bei peli

Qualcuno di voi conoscerà Dan Boeckner per essere lo spirito che anima gli Wolf Parade (e che inventò gli Atlas Strategic, ormai scioltisi). Sappiate che quest’uomo scheletrico sta portando avanti da un po’ di anni un progetto insieme a sua moglie, la scrittrice Alexei Perry.

“Sound Kapital” è la terza fatica in studio per il connubio/matrimonio artistico di stampo canadese: sempre più orientato all’elettronica, sempre meno appartenente alla dimensione grezza della classica strumentazione rock. I sintetizzatori e le basi la fanno da padroni, lasciando spazio a qualche accenno di sperimentazione.

Senza alcun dubbio le nove tracce si prestano a sale da ballo indipendenti in cui il revival anni ’80 sia ben accetto, specialmente se spolverato di post-punk .

Il singolo “I’m Confused” (2009) aveva sortito l’effetto positivo di attirare audience, con quella chitarrina dissonante e la voce maschile tremula; stavolta il duo opta per qualcosa di ricercato e – perché no – anche politico.
Di fatto, “When I Get Back”, “Serve The People” e “Repatriated” paiono fare da trilogia alla parabola del perpetuo pellegrino, mentre “Cheap Music” mette in discussione la carriera stessa della coppia.

Pro

Contro

Scroll To Top