Home > Recensioni > Hank: Fuori dal Giro
  • Hank: Fuori dal Giro

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 23-06-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Dopo l’album “L’aria è tesa” del 2012, gli Hank, trio salernitano, approdano alla produzione di un nuovo EP “Fuori dal giro”, contenente solo due brani “La Pena” e “L’Ignobile”.
Il nuovo corso è tracciato già da “L’aria è tesa”, titolo dell’album precedente con il non poco pretenzioso compito di voler analizzare la società odierna, con le sue contraddizioni continue e le sue fragilità. Anche questi due nuovi brani sembrano continuare col tracciare la figura dell’uomo attuale.

La pecca che balzava subito all’orecchio già nel 2012 era la poca originalità della band salernitana,anche queste due nuove composizioni certo non si distinguono per originalità sebbene l’esecuzione e la qualità della registrazione siano ineccepibili. Se invece addentrarvi in territori musicalmente già battuti da tanti altri non è cosa che vi scoraggia allora avrete pane per i vostri denti.

Nulla di stravolgente, insomma, ma distorsioni che virano dal punk al grunge ’90s si lasciano ascoltare molto volentieri, senza far storcere il naso. Le casse stereo emanano polvere e arrabbiatura, distorsioni e tanto, tantissimo sudore.

Perché sì, il potenziale c’è, ma ora questo potenziale necessita fisiologicamente di essere trasformato in energia cinetica, una spinta in grado di portare la band lontano.

Pro

Contro

Scroll To Top