Home > Recensioni > Hans Zimmer & Benjamin Wallfisch: Blade Runne 2049
  • Hans Zimmer & Benjamin Wallfisch: Blade Runne 2049

    Epic / 2roads

    Data di uscita: 05-10-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Senza soffermarsi troppo sulla trama, Blade Runner 2049 (diretto da Denis Villeneuve) presenta delle immagini spettacolari per intensità e futurismo impreziosite da un’eccellente colonna sonora firmata dall’onnipresente Hans Zimmer in collaborazione con Benjamin Wallfisch pubblicata il 5 ottobre 2017 per Epic Records.

Talmente si sposano bene questi due elementi, musica e scenografia, da far sembrare la pellicola un lunghissimo videoclip. D’altronde le aspettative riposte in Blade Runner 2049 erano talmente alte che non nessuno poteva permettersi un fallimento, come capita spesso quando si sceglie di girare il sequel di un film divenuto iconico per una generazione intera. Per questo la scelta del compositore Zimmer è stata tanto azzeccata quanto scontata. Infatti, se da una parte c’è un chiaro successo musicale, fatto di sonorità drone, oscure, eteree che, come detto, si mescolano alla perfezione con il film, dall’altra troviamo l’occasione mancata per quello che fa un capolavoro degno di essere chiamato tale: la scommessa. Hans Zimmer è un maestro nel mondo delle soundtrack, basterebbe citare Il Gladiatore per rendere l’idea, ma da qualche anno a questa parte la carica innovativa del Maestro si è esaurita lasciando il posto ad un’ottima scrittura dagli altrettanto ottimi risultati (Interstellar ad esempio). Che, comunque, è già qualcosa direi. Eppure ognuno di noi deve confrontarsi col passato e, nel nostro caso, l’opera di Vangelis del 1982 per il precedente Blade Runner di Ridley Scott è ad un livello nettamente superiore all’odierna colonna sonora. Contrastante, poliedrica, inattesa e sorprendente. Una scommessa vinta dal regista quando nessuno lo sosteneva nella scelta di affidare le musica al musicista di origine greche.

Quella di Zimmer e Wallfisch rimane, quindi, una gran colonna sonora, ma pur sempre lontanissima dal capolavoro e dalle aspettative riposte in questo bel sequel. Una giocata sicura riuscita e, contemporaneamente, una scommessa mancata.

 

Pro

Contro

Scroll To Top