Home > Recensioni > Haste: When Reason Sleep
  • Haste: When Reason Sleep

    Haste

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Hardcore, intelligente e multiforme

Che disco ragazzi!!! Questi Haste sono un gruppo hardcore new school proveniente da quel dell’Alabama e sono giunti con questo “When Reason Sleeps” al loro terzo lavoro. Attenzione perché nel caso degli Haste, hardcore non è sinonimo di ripetitività o di staticità ma bensì di continui cambi di atmosfere e di umore, in costante fluttuazione tra incazzatura mondiale e atmosfere più soffuse. Se avete presente i grandi Vision Of Disorder sapete in che territori ci stiamo movendo, ma potrei citare anche i più noti Glassjaw, per l’amore per partiture non sempre “easy-listening” e per una melodia sofisticata che a tratti fa la sua comparsa in questo piccolo capolavoro. La prova dei due cantanti è superba, sempre in bilico tra angoscianti urla e fantastiche armonizzazioni con delle aperture melodiche veramente notevoli. Andate a sentirvi ad esempio la favolosa “Off Parting Sound” in cui una devastante strofa fa da spalla ad un ritornello con un refrain melodico davvero memorabile per culminare in un finale completamente in-your-face. Stupenda. Io sinceramente di questo disco non saprei cosa altro aggiungere; menzionare tutte le canzoni (undici) presenti su questo cd, mi sembra inutile; sono tutte perle di una stessa collana e possono essere apprezzate sia singolarmente che come parte integrante di uno splendido lavoro. L’unica cosa che posso ancora dirvi è di comprarlo: in un periodo di magra per quanto riguarda in new-metal (ultimamente è uscito ben poco di interessante, non trovate?) questo è senza alcun dubbio il miglior antidoto. E sono certo che molti di voi, dopo averlo ascoltato attentamente, rifletterà sul vero significato del termine “metal moderno” e sull’abuso che di questi tempi se ne fa per descrivere nuovi pseudo gruppi prodotti e confezionati per i “subiti guadagni” e il facile successo. Da oggi questo disco si siederà al primo posto di fianco ad “Arc’tan’gent” nella mia classifica dei gruppi fondamentali di questo nuovo millennium. Intelligenza, emotività e furia controllata. Capolavoro.

Scroll To Top