Home > Recensioni > Hauschka: Salon Des Amateurs
  • Hauschka: Salon Des Amateurs

    Hauschka

    Loudvision:
    Lettori:

Fortepiano

Volker Bertelmann, in arte Hauschka, è un pianista e compositore tedesco a cui piace fare cose strane e farle bene.
La sua attività inizia presto, tant’è che “Salon Des Amateurs” finisce per essere il nono lavoro prodotto nell’arco di poco più di sei anni.

Il concetto che sta alla base dei dieci brani – rigorosamente ed esclusivamente strumentali – è il pianoforte preparato, ovvero una sorta di religione che proclama il cordofono re dell’orchestra, con l’inserimento di oggetti al suo interno per modificarne l’estensione armonica.

Dunque, non può che essere il pianoforte il protagonisa indiscusso dell’album, intriso di sofisticati pattern d’avanguardia e ambientazioni elettroniche che cadono nella pura sperimentazione.

Guardate il video di una qualunque performance dell’artista e rimarrete tipo così.
Volker ha un grande talento e per fortuna non teme di nasconderlo (o di risultare uno che se la tira, anche se effettivamente potrebbe permetterselo).
Garberà a giovani e vecchi, specialmente se esigenti.

Pro

Contro

Scroll To Top