Home > Recensioni > Hell-Born: Darkness
  • Hell-Born: Darkness

    Hell-Born

    Loudvision:
    Lettori:

In Satan We Trust

La competenza territoriale per il black/death sembra essersi spostata dal nord all’est Europa. La Polonia, in particolare, è l’epicentro delle proposte più estreme. E gli Hell-Born sottolineano questa brutalità D.o.c., annientando qualsiasi melodia e riportando il genere alle sue prime albe.

Un side-project, che non è poi così side, poiché si tratta del sesto album. “Darkness” vuol esprimere tutto sé stesso già col titolo: un massiccio reimpasto delle sonorità oscure ed estreme del black metal, accompagnato da un serrato e tecnico ritmo death della old school.

A scanso di equivoci, a nessuno dei tre musicisti interessa l’originalità o la compostezza tecnica. Sono la rabbia e l’atmosfera spessa a caratterizzare l’album. Tenebroso, “ignorante” e indistintamente veloce, il songwriting raggiunge l’obiettivo con passione e senza eccessive pretese.

Pro

Contro

Scroll To Top