Home > Recensioni > High On Fire: Live At The Contamination Festival

High On Fire: Live At The Contamination Festival

Basta, mamma Relapse. Basta

E così ci risiamo. La smania di incassare della Relapse colpisce ancora.
Questa volta a farne le spese sono gli High On Fire, la cui performance live del 2003 al Contamination Festival viene, ehi!, immortalata in questo imperdibile CD!

Capiamoci, gli High On Fire sono fichissimi e dal vivo spaccano tutto. Il suono della chitarra di Matt Pike è una delle cose più sporche, grasse, sudate e spaccaculi della storia delle cose sporche, grasse, sudate e spaccaculi, e i pezzi degli High On Fire sono generalmente una mazzata sui denti, una sorta di versione estrema dei Mastodon virati stoner, o dei Motorhead in fotta Slayer. L’ascolto di questo live quindi è tutto sommato un piacere, nonostante una resa sonora non proprio perfetta.

Il problema, al solito, è l’utilità di mettere in circolazione su CD questo live. Oltretutto di durata di poco superiore alla mezzora. Oltretutto mettendolo in vendita (anche) sul sito alla modica cifra di 22€ (ma con anche la maglietta!).

Ci sono tante vie alternative per diffondere musica di qualità: il download digitale, un mega-DVD con tanta roba dentro, sa il diavolo cos’altro. Un misero CD della durata di mezzora è solo una presa per il culo, e la Relapse deve smetterla.

Scroll To Top