Home > Recensioni > Huangjin shidai (The Golden Era)
  • Huangjin shidai (The Golden Era)

    Loudvision:
    Lettori:

Ann Hui è un’autrice amata dalla Mostra del Cinema di Venezia: nel 2010 il suo “A Simple Life” fa conquistare la Coppa Volpi per la migliore attrice a Deanie Yip e quest’anno la regista hongkonghese è di nuovo presente al Festival, fuori concorso, con il film di chiusura “A Golden Era” (“Huangjin shidai”).

Qui Hui racconta la vita, breve e travagliata, di Xiao Hong (Tang Wei, già vista in “Lussuria” di Ang Lee), una delle maggiori scrittrici cinesi che ha contribuito in modo determinante alla rinascita letteraria del suo Paese nella prima metà del 900. Una perfetta “artista romantica”, così la vede Ann Hui, e quindi anche una protagonista perfetta per un biopic di sapore storico-intellettuale.

Li Qiang scrive una sceneggiatura accurata, corposa, dalla struttura complessa, che incrocia le voci e i punti di vista. Ne emerge un ritratto della protagonista certamente interessante – specie per noi non cinesi – ma anche un po’ faticoso da seguire.

“The Golden Era” non è probabilmente il film giusto per la chiusura della Mostra: i suoi 180 minuti di durata alla proiezione stampa delle 19.30 del penultimo giorno di Festival si fanno sentire, e non sono pochi quelli che abbandonano prima della fine una sala Darsena già non completamente piena. Qualcuno cede anche al sonno.

Eppure la regia mostra grande eleganza e le interpretazioni sono convincenti. Te lo promettiamo, cara Ann Hui, lo rivedremo a casa con più attenzione.

Pro

Contro

Scroll To Top