Home > Recensioni > Hunx & His Punx: Street Punk

Grrrrr..affianti

Veloci, incazzosi e travolgenti: ecco gli Hunx & His Punx, band californiana che si presenta in questi giorni con il secondo disco, dopo il debutto nel 2011 con “Too Young To Be In Love”.
“Street Punk”, questo il nome del lavoro, è punk da strada che attinge a piene mani nel background 60’s, ma non solo.
Beh, per capirci meglio, prendete i The Sonic’s mescolateli a Siouxie & The Banshee shakerate con un po’ di Ramones e servite in un locale rigorosamente grezzo, con poche luci e pieno zeppo di bottiglie di gin: insomma ‘na bbbomba.
Se ancora non fosse chiaro il concetto, basta far partire “Bad Skin”, traccia che apre il disco e che riassume in pieno il mood del gruppo di Seth Bogart e delle sue adorabili punkette.
Alla riscossa!

“Street Punk” è un album che dà la scossa e non passa inosservato: 15 frame sonori che schizzano impazziti addosso all’ascoltatore e lo travolgono piacevolmente.
Ad eccezione del brano che chiude il lavoro (la simil-ballad “It’s Not Easy”) la durata dei pezzi supera di rado i due minuti, ma non appare risicata.
Gli Hunx & His Punx hanno saputo dosare benissimo gli spazi creando una miscela esplosiva fra riff violenti e cantato, conquistando pienamente orecchie e cuore del pubblico.
Oh yeah!

Pro

Contro

Scroll To Top