Home > Recensioni > i Melt: Il Nostro Cuore A Pezzi
  • i Melt: Il Nostro Cuore A Pezzi

    i Melt

    Data di uscita: 14-11-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Almeno 12 pezzi di cuore

(Lontano) 1992: i vicentini Melt diventano a tutti gli effetti i Melt (vicentini lo erano già). Da allora ad oggi sono passati tempo, una serie sorprendente di mutamenti nella formazione della band, e l’eterno avvicendarsi dei generi musicali.

Ciò che non si è consumato, e che probabilmente spiega la scarsa prolificità del gruppo, è la necessità dei Melt di mettere tutta l’anima nei propri prodotti artistici. E già dal bel titolo “Il Nostro Cuore A Pezzi” è come se ci si predisponesse a porgere qualcosa di concreto e pulsante (e rotto) all’ascoltatore.

Brit-rock in primis, ma anche quel filone di rock italiano cui fanno capo i compagni di etichetta Tre Allegri Ragazzi Morti, e quel rigore estremamente inglese nel dare importanza ad attentissime linee di basso fingendo di non curarsene. Se musicalmente la formula dei Melt è godibile ma non innovativa, le liriche danno grande soddisfazione: prendono le mosse da cliché, frasi proverbiali, quasi da libretto illustrativo, e sono declinate in soluzioni personali, sorprendenti, creative senza mai la minaccia dell’intellettualismo.

Musica giovane. Il che è contemporaneamente rinfrescante e limitante. Se non altro, musica giovane suonata con cognizione di causa.

Pro

Contro

Scroll To Top