Home > Report Live > I mille volti di Jason Molina

I mille volti di Jason Molina

Nel 1996 Jason Molina fondava i Songs:Ohia, band attiva fino al 2003 con la quale il cantautore statunitense ha composto i suoi album più ispirati. I Magnolia Electric Co. nascono dalle ceneri dei Songs:Ohia. Negli stessi anni Molina si dedicava anche ad alcuni progetti solisti e incideva due EP, uno con i My Morning Jacket e uno con Will Holdam/Bonnie ‘Prince’ Billy. Questa al Circolo degli Artisti è la seconda data del tour italiano di “Josephine”, l’ultimo album dei Magnolia Electric Co.

Sul palco ad aprire per loro sale Chris Brokaw. Sono Le nove e venti, nove e mezzo. La sala è semideserta, i pochi spettatori puntuali sono perlopiù appassionati che già conoscevano Brokaw per la sua carriera di batterista nei Codeine (storica formazione USA post-rock slowcore anni ’90) e chitarrista con Thalia Zedek nella indie band di culto Come. Da solo purtroppo non ha pezzi memorabili (si sente la mancanza di un autrice come Thalia Zedek), ma sfoggia una grande perizia tecnica ed espressiva con la chitarra elettrica, da cui cava paesaggi sonori profondi e coinvolgenti quel po’ che basta per farci ciondolare davanti a lui.

Jason Molina e soci invece partono subito con il piede giusto. La band è composta da strumentisti di grande talento, forse un po’ manieristi ma efficaci nel loro scopo, quello di ricreare un’atmosfera rock anni ’70 che richiama subito il Neil Young dei Crazy Horse.
Prevalgono i brani dell’ultimo album, “Josephine”, ma chi temeva una serata nostalgica che avrebbe fatto rimpiangere i primi anni di carriera viene piacevolmente sorpreso da un concerto energico, con suoni potenti e dal ritmo tirato. Chiude il bis una cover di “Lawyer Guns and Money ” di Warren Zevon con Chris Brokaw alla batteria, che dà alla canzone un’attitudine ancora più Younghiana e selvaggia con il suo stile più minimalista e meno ricercato. La giusta conclusione per un concerto bello, forse un po’ troppo manierista per chi di noi aveva ancora le orecchie riverberanti per i Drones.

Si ringrazia Marco Caizzi per la collaborazione (e la compagnia).

Scroll To Top