Home > Rubriche > Compilation > I nostri film di Natale preferiti

I nostri film di Natale preferiti

A Natale possiamo andare al cinema (e quest’anno l’offerta è particolarmente buona) ma possiamo anche stare sul divano di casa, a goderci l’ennesima visione dei nostri film preferiti.

Perché ogni appassionato di cinema ha i suoi film di Natale del cuore: alcuni sono a tema natalizio, altri sono semplicemente titoli a cui siamo affezionati e che, per motivi personalissimi, amiamo rivedere anno dopo anno proprio nel periodo delle feste.

Abbiamo chiesto ai collaboratori di LoudVision di citare i propri classici delle feste: un modo per condividere, tra di noi e con voi, le nostre tradizioni cinefile.

Buon Natale!

VALENTINA ALFONSI

VIA COL VENTO” di Victor Fleming (1940)
I film da rivedere a casa mia nel periodo festivo rispondono a due requisiti: devono essere lunghi, perché così si può passare tanto tempo sul divano sotto una bella coperta, e ambientati in epoche precedenti al 900, perché i film in costume sono un piacere per gli occhi, molto meglio delle lucine di Natale. “Via col Vento” dura quattro ore e… beh, c’è bisogno che vi descriva gli abiti di Rossella O’Hara?

FROZEN” di Chris Buck e Jennifer Lee (2013)
In rappresentanza di tutti i Classici Disney che allietano le nostre esistenze (mi raccomando, rivediamo tutti “Mary Poppins” anche quest’anno), scelgo “Frozen” perché mi ha ridato la gioia di sentirmi disneyana dopo quasi vent’anni e perché, grazie al suo straordinario successo di pubblico, questo è il terzo Natale consecutivo in cui posso comprare (e regalare) dolcetti e sciocchezze con sopra la faccia di Elsa, Anna e Olaf. E poi anche “Frozen” è un film in costume.

(p.s. Non posso ancora citarlo ufficialmente perché non ce l’ho in casa — in Italia deve ancora uscire al cinema — ma dal prossimo anno il mio film di Natale sarà “Carol” di Todd Haynes).

natale_via-col-vento

VIA COL VENTO

FRANCESCO FERRONE

REAL STEEL” di Shawn Levy (2011) e “LE 5 LEGGENDE” di Peter Ramsey (2012)
A Natale siamo tutti più buoni, quindi vi invito a fare come me e a trasformare questi due cataclismici flop al botteghino nella vostra tradizione cinenatalizia. Film per famiglie, il primo fantascientifico, il secondo fantasy e animato. Entrambi uscirono durante le feste (2011 e 2012, rispettivamente), ma nessuno dei due è a tema natalizio (il secondo è anzi ambientato a Pasqua!).

rise_guardians_06

LE 5 LEGGENDE

CRISTINA RESA

GREMLINS” di Joe Dante (1984)
Il mio classico di Natale per antonomasia da praticamente tutta la vita appartiene a quel genere ormai quasi del tutto scomparso in cui orrore, commedia e film d’avventura per ragazzi riuscivano a fondersi, creando qualcosa di unico. Una pellicola con diversi livelli lettura, che con il suo mix di satira e humor nerissimo, riesce a regalare un ritratto pungente e vividissimo della società occidentale.

TRASPORTO ECCEZIONALE – UN RACCONTO DI NATALE” di Jalmari Helander (2010)
Il finlandese Helander sembra rifarsi a quella stessa tradizione per ragazzi, confezionando un horror estremamente divertente, che si ispira al folklore nord europeo e in particolare alla leggenda del Joulupukki, presunto antecedente della figura di Babbo Natale.

Mostriciattoli letali e demoni golosi di bambini, in due film lontani tra loro nel tempo e nello spazio, ma simili per approccio e, in un certo senso, in grado di stimolare una riflessione sulle attuali tradizioni natalizie.

natale_export

TRASPORTO ECCEZIONALE

PAOLO VALENTINO

SENTI CHI PARLA” di Amy Heckerling (1989)
Perché il Natale è dei bambini, e quale miglior film sui bambini se non questo?

MAMMA HO RIPERSO L’AEREO: MI SONO SMARRITO A NEW YORK” di Chris Columbus (1992)
Un film che racconta il peggior incubo di ogni bambino: smarrirsi in una grande città. Fortuna vuole che poi sia proprio la magia del Natale a far riunire l’allora angelico Macaulay Culkin con la sua famiglia. E soprattutto, grande amore per la signora dei piccioni.

natale-Home-Alone-2-home-alone

MAMMA HO RIPERSO L’AEREO

ANGELICA VIANELLO

PAPÀ GAMBALUNGA” di Jean Negulesco (1955)
Perché è un classico dall’infanzia cui non so rinunciare durante le feste da quando, una mattina di Natale di qualche anno fa, mi capitò di danzare sulle note di “Something’s Gotta Give”.

POLAR EXPRESS” di Robert Zemeckis (2004)
Nonostante l’avessi detestato al cinema, ogni anno non vedo l’ora di scoprire se sono ancora in grado di sentire il suono delle campanelle.

natale-Daddy_Long_Legs_1955

PAPÀ GAMBALUNGA

Scroll To Top