Home > Recensioni > I’ve Killed The Cat: Forgiveness Party
  • I’ve Killed The Cat: Forgiveness Party

    I’ve Killed The Cat

    Data di uscita: 05-12-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Post punk da Milano. Promossi con riserva.

Con qualche anno di ritardo anche l’Italia si fa travolgere dalla passione per la musica indipendente che prende le mosse dalle band underground inglesi anni ’80, la nascita di tante realtà interessanti si accosta al ritardato riconoscimento di band già collaudate.
I milanesi I’ve Killed The Cat rientrano perfettamente in questo contesto, dopo un’intensissima attività dal vivo che li ha visti anche parte del “Disconnect”, escono con il loro primo EP, “Forgiviness Party”, edito dalla giovanissima Smoking Kills Recordings.
Il sound richiama il primo selvaggio post-punk con una spruzzata di garage sessantiano. Tra i brani che spiccano, il singolo “Ashtrays”, “So Cold” e la marziale “How Many Times Must We Lose Our Way”.

Sicuramente non si può dire che questi ragazzi milanesi non abbiamo un notevole appeal e una buona capacità di creare ritmiche ipnotiche e ritornelli catchy, tuttavia la scarsa originalità della proposta non è un aspetto che si può facilmente accantonare soprattutto se consideriamo che di band che fanno questo genere ce ne sono diverse in giro di questi tempi. Un altro aspetto su cui serve soffermarsi è la voce di Frances: in alcuni frangenti il suo canto sguaiato, quasi Iggy Pop, incanta con la sua potenza, in altre sembra piatto e monotematico. Nel complesso il lavoro è comunque interessante e lascia presagire un buon futuro. Promossi.

Pro

Contro

Scroll To Top