Home > Recensioni > Ich Seh Ich Seh (Goodnight Mommy)
  • Ich Seh Ich Seh (Goodnight Mommy)

    Diretto da Veronika Franz, Severin Fiala

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Veronika Franz e Severin Fiala presentano nella sezione Orizzonti di Venezia 71 l’horror austriaco – perché di horror si tratta, freddo e spaventoso –”Ich Seh Ich Seh” (“Goodnight Mommy”).

Franz è la compagna e collaboratrice storica di Ulrich Seidl (qui produttore e anche lui al Festival fuori concorso con “Im Keller“) e insieme hanno fondato la Ulrich Seidl Film Produktion. Fiala, 29 anni, ha studiato cinema e in coppia con Veronika Franz aveva già diretto il documentario “Kern”(2012).

Ich Seh Ich Seh” (ovvero “Io vedo, io vedo”, un titolo molto più pertinente rispetto a quello internazionale in inglese) ci porta in una villa isolata nella campagna austriaca.

Due bambini gemelli, una madre dal volto coperto di bende dopo un intervento di chirurgia estetica. Capiamo che potrebbe essere la conseguenza di un incidente, ma la sceneggiatura è (giustamente) restia nel concedere spiegazioni e lascia che a dare suggerimenti agli spettatori siano certi dettagli di regia e scrittura, dall’uso della luce al modo in cui i personaggi interagiscono tra loro e vivono gli spazi domestici.

Sullo sviluppo dell’intreccio è meglio non svelare troppo – chissà, magari ci sarà modo di vedere “Ich Seh Ich Seh” nelle nostre sale. Franz e Fiala, anche autori della sceneggiatura, gestiscono molto bene la componente horror, pur utilizzando elementi non nuovi: incubi, insetti, canzoncine infantili, torture, figure inquietanti che sfumano nell’ombra o nascoste dietro le tende. Il finale è però troppo esplicito e chiarificatore, anche se i due autori hanno l’intelligenza di spargere nel film – girato tra l’altro in pellicola 35 mm – diversi particolari visivi e narrativi che mantengono la loro ambiguità anche dopo l’epilogo.

Pro

Contro

Scroll To Top