Home > Recensioni > If By Yes: Salt On Sea Glass
  • If By Yes: Salt On Sea Glass

    If By Yes

    Loudvision:
    Lettori:

Meglio sole che mal accompagnate

Petra Haden e Yuka Honda hanno una storia musicale che noi comuni mortali ce la sogniamo.
Tra gli altri (giusto per farvi venire il pizzicorio al posteriore) bazzicano o bazzicavano: Yoko Ono – Sean Lennon, Cibo Matto, Zorn, Sonic Youth e David Byrne.

Da dove sia nata la voglia di formare questo gruppo non si sa, sinceramente avrebbero potuto continuare a parlarne e basta, magari davanti a qualche bicchierone di agave.
Il Crumble di mele e la salsa Tzatziki sono senza dubbio buonissimi, ma penso che a nessuno venga in mente di farne un piatto unico.

Questo è il punto. C’era davvero bisogno di scrivere un album a otto mani (due paia sono le loro)? Per di più iniziando con un brano che per gli ultimi 30-40 secondi è vocalizzi e gargarismi alla riscossa? Pensiamo di no.

Fortunatamente, alla terza traccia il disco si riprende un pochino, ma comunque non convince. Continua a ricordare una versione Hare Krishna dei Moldy Peaches sotto acidi.

N.B.: L’accostamento Sean Lennon-Cibo Matto non è casuale.

Pro

Contro

Scroll To Top