Home > Recensioni > Il Caffè dei Treni Persi: Reincarnati Male
  • Il Caffè dei Treni Persi: Reincarnati Male

    Dischi Persi / none

    Data di uscita: 16-12-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

In uscita il 16 dicembre il secondo full-length album de Il Caffè dei Treni Persi, con un titolo che lascia sicuramente spazio alla libera interpretazione: Reincarnati Male.
La band bolognese, da anni una parte importante della musica italiana indipendente, ha saputo dare un nuovo volto alla tradizione cantautorale, coniugando sonorità folk e groove incalzanti in una ricerca musicale che si avvale di strumenti acustici, melodie e arrangiamenti originali e testi studiati con precisione fino all’ultima vocale, che ricordano, per sonorità e argomenti, i Modena City Ramblers.

In questo album, temi generali di appartenenza sociale si mescolano alle singole storie di esclusi, di sfruttati, di persone deluse dalla società, che guardano al passato con l’occhio critico di chi non vuole ripetere gli stessi errori, ma che non rinunciano ad alzare la voce in un forte grido di protesta.
Partendo da brani dal forte impatto come La fabbrica Di Pneumatici e Luoghi Extracomuni, fino a Shoeshine, al brano strumentale Topinambur e alla ballad L’amore del ciclope, troviamo influenze che dal progressive-folk anni 60 e 70 dei Jethro Tull li portano fino a groove neo folk tipiche del John Butler Trio.

L’album verrà presentato il 17 dicembre al Freakout club di Bologna per cui non resta che aspettare qualche giorno…

 

di Ilaria Sutti

Pro

Contro

Scroll To Top