Home > Interviste > Il giorno di Natalie

Il giorno di Natalie

Una delle star più attese al Lido, Natalie Portman ha presentato il suo corto “Eve”. Non dimenticando l’impegno umanitario.

Giovane ma con alle spalle una carriera già lunga, iniziata da bambina, ha conquistato la passerella della 65a Mostra Internazionale del Cinema esordendo dietro alla cinepresa. Per Natalie Portman, si sono scomodati due mostri sacri di Hollywood, Lauren Bacall e Ben Gazzara, interpreti di “Eve”, che ha inaugurato ieri la sezione Corto Cortissimo.

Il film racconta l’incontro galante della nonna della protagonista, un’occasione per riflettere sul rapporto tra giovani e anziani, mettere a contatto una ragazza con la mentalità ormai sorpassata della nonna, il suo disagio per l’età avanzata ma anche l’abilità con la quale continua a vivere.”Mi sono ispirata a tanti miei amici, al modo in cui ci si definisce nel rapporto con la propria madre, la propria nonna. Nel modo in cui riflettiamo le generazioni che ci hanno preceduto, in positivo e in negativo. Una relazione sempre misteriosa, il riflesso di un riflesso di un riflesso“, ha detto in conferenza stampa Natalie Portman. Nel mondo del cinema da 16 anni, si è lasciata guidare dall’esperienza dei tanti registi che l’hanno diretta. Con un pensiero speciale per Anthony Minghella, morto proprio il giorno in cui lei ha iniziato a girare il suo primo film.

Non sapevo cosa fare, quando ho saputo che era morto. Alcune persone del mio staff hanno detto che il modo migliore per rendergli omaggio era di girare questo corto. Era bravissimo nella direzione degli attori, gentile, simpatico con tutti“, ha detto la Portman. Con molto entusiasmo ha raccontato di come sia stato emozionante che due veterani di Hollywood abbiano accettato di essere presenti nel suo cortometraggio “Lauren Bacall l’ammiro da molto tempo, è stata una sorpresa che abbia accettato di lavorare in questo film, è sempre stato il mio sogno. Ha una tempistica comica eccezionale e anche la sua nota drammatica è stupefacente. Ha esperienza e saggezza, è una perla rara“.
Grande ammirazione anche per Gazzara: “Stupefacente, un uomo e un attore fantastico, generoso con le sue performance, davvero commovente“, ha detto.

L’adorabile Natalie Portman è stata l’ ospite d’eccezione alla serata di premiazione di “Kineo – Diamanti al cinema”, ricevendo un assegno di cinquantamila dollari devoluti ad un ente no profit che si occupa della scolarizzazione delle donne africane. La Portman, tra l’altro, ha sottolineato il suo appoggio a Obama. “Certo, lo sostengo. Sta suscitando tanta speranza, rappresenta il cambiamento, in America stiamo vivendo una fase molto emozionante. I cinquantamila dollari serviranno a stanziare borse di studio e incentivi per le donne che non hanno possibilità di istruirsi, sia in ambito culturale che demografico. È importante che conoscano i limiti in cui vivono e in cui fanno vivere i loro figli.”

Scroll To Top