Home > Rubriche > Music Industry > Il modello perfetto?

Il modello perfetto?

Parlare di music industry può sembrare a volte fuori dal mondo, almeno da quello che viviamo qui in Italia. La maggior parte delle idee vincenti, infatti, prendono le mosse dall’estero – diciamo Stati Uniti – e arrivano da noi soltanto quando un altro pubblico, quello transoceanico, ha deciso se decretarne il successo o il fallimento. Ci troviamo quindi a parlare di cose che non possiamo provare direttamente, se non abbiamo una discreta esperienza con i proxy, ma sarebbe più opportuno ignorarle?

Ovviamente no. Non possiamo più ignorare Lala: tutta la musica che desideri, ascoltabile da un browser web. Questo il claim, dopo averci sottolineato che siamo where music plays. Premesse piuttosto becere, a dire il vero, quasi quanto la grafica, assolutamente poco invitante, che ci accoglie in questo nuovo paradiso musicale. Azzurro e grigio si affiancano in uno dei siti col nome e gli intenti più giovani e web 2.0 a cui si possa pensare di questi tempi, lasciando piuttosto stupefatti per l’apparente incompetenza della scelta e della realizzazione.

Le proteste, pur nella loro forte influenza sulla piacevolezza della navigazione, finiscono qua. Lala, infatti, propone un nuovo, usabile e remunerativo business model. Tanto per cominciare, chiunque può ascoltare tutta la musica presente sul sito 1 volta. Mai più acquisti a scatola chiusa, dunque, e questo è già un enorme passo avanti. Ma c’è ancora di più: per 0,10$ ci si può abbonare agli streaming di una canzone e ascoltarla sul sito un numero infinito di volte, da qualsiasi dispositivo dotato di connessione.

Tutto ciò, udite udite, senza pubblicità. Grossa differenza da MySpace Music, ad esempio, che permette sì ascolto online gratuito, ma a che prezzo? Un eventuale successo di Lala in questa battaglia ci farebbe tirare un sospiro di sollievo: l’advertising sfrenato non ha ancora conquistato completamente le nostre menti.
Quella piccola cifra spesa per lo streaming, poi, può essere recuperata nel momento in cui si decide di acquistare il brano, per ascoltarlo ovunque si voglia: il suo prezzo scenderà da 0,99$ a 0,89$, concedendoci di provare, scegliere e acquistare davvero ciò che ci piace.

Se l’approccio visivo non è dei migliori, la cura di Lala per i propri utenti emerge molto presto, anche per via della semplicità di utilizzo dei propri strumenti. E proprio gli utenti, piuttosto che gli investitori come accade in altri casi, saranno l’ago della bilancia per il successo di questa scommessa. Noi speriamo di poterla provare presto, il che sarebbe già di per sé una risposta.

Scroll To Top