Home > Report Live > Il muro del suono

Il muro del suono

World War Tour“: un nome quanto mai azzeccato per introdurre il tipo di evento da aspettarsi, popolato di pirati scozzesi e guerriglieri svedesi coinvolti in una lotta a suon di decibel.

Ad aprire la scena gli Alestorm che – grazie all’inaspettata defezione dei Thaurorod – infarciscono una scaletta improvvisata suonando buona parte dei brani al loro attivo.
Il riscontro c’è da subito: magliette, cori e qualche travestimento piratesco lasciano intendere che parte del pubblico è lì (anche) per loro. Quattro sul palco che sembrano almeno il doppio, con Bowes che la fa da padrone suonando scatenato la tastiera a tracolla e cantando versi ancora più sporchi che sugli album. Regalo della serata è stato suonare in anteprima l’inedita “Rum”.

Giù le luci e giù i teli a copertura della scena principale, ecco svelarsi un palco di lamiere e due postazioni sopraelevate per tastiere e batteria.
“The Final Countdown” introduce la comparsa dei sei che senza esitare intonano Ghost Division: “Fast as the wind, the invasion has begun”!

Per un’ora e venti è come trovarsi faccia a faccia con un muro di casse Marshall. Altissima l’energia sprigionata dalla band in ogni pezzo, dalle meno recenti “Hellrider” e “Attero Dominatus” ai nuovi singoli “Uprising” e “Coat Of Arms”, senza dimenticare che anche loro propongono dal vivo una traccia inedita ed orecchiabilissima.
I fan restituiscono tutto il vigore che arriva dal palco scandendo a gran voce il nome della band pressoché dopo ogni canzone ed intonando buona parte di strofe e ritornelli, tanto da stupire un sorridente Joakim che forse non si aspettava una risposta così forte da un pubblico piuttosto limitato in numero.

I bis vengono introdotti dalla voce narrante dell’album “The Art Of War”. Dopo l’omonima canzone e la potente “Primo Victoria”, la battaglia milanese di questa “World War” si conclude con un medley che parte da “Metal Machine” per diventare “Metal Crue” ed evolversi in un’orgia di assoli e nei conclusivi saluti ad un pubblico che ha saputo far breccia nei granitici Sabaton.

The Ghost Division
Uprising
Aces In Exile
Hellrider
Cliffs Of Gallipoli
40:1
Final Solution
Attero Dominatus
Coat Of Arms
Saboterus
Swedish Pagans
Price Of A Mile

Encore:
The Art Of War
Primo Victoria
Metal Medley (Metal Machine + Metal Crue)

Scroll To Top