Home > Rubriche > Eventi > Il Noir in Festival 2016 si sposta a Como e Milano

Il Noir in Festival 2016 si sposta a Como e Milano

Dopo aver celebrato a Courmayeur i suoi primi 25 anni di vita, il Noir in Festival 2016 lascia la Valle d’Aosta per spostarsi in Lombardia.

La XXVI edizione del festival dedicato al giallo e al mistero si svolgerà tra Como e Milano, dall’8 al 14 dicembre 2016.

Le novità sono state annunciate da Giorgio Gosetti e Marina Fabbri a Milano, durante una conferenza stampa alla quale erano presenti anche il coordinatore generale Consorzio Como Turistica e Amici di Como Daniele Brunati, l’assessore alla cultura di Como Luigi Cavallini, il critico e docente di cinema Gianni Canova e lo scrittore Sandrone Dazieri.

L’obiettivo è quello di trasformare il Noir in Festival, per 15 anni festival di charme e rassegna d’elezione, in un festival del pubblico, un evento metropolitano con un’identità originale, senza però rinunciare al glamour internazionale.

«Con Daniele Brunati abbiamo cominciato a fantasticare in merito ad un modo per reinventare il festival, dopo 25 anni felicemente consolidati come festival di charme a Courmayeur» ha raccontato Giorgio Gosetti. «Su questa strada, Daniele Brunati ci ha introdotto al rapporto con la città di Como e la sua l’amministrazione. Con Gianni Canova, invece, abbiamo cominciato a fantasticare sulle idee, pensando a qualcosa che non esiste né in Italia né all’estero: un festival con il proprio cuore pulsante all’interno di un’Università».

Il Noir in Festival 2016, così, avrà come suggestivo sfondo il Lago di Como e il Teatro Sociale, che ospiterà il concorso letterario.  Sarà però un progetto culturale di entrambe le città, poiché realizzato in collaborazione con la Libera Università di lingue e comunicazione IULM di Milano, che metterà a disposizione i propri spazi, diventando così un unicum nel panorama odierno.

«IULM ha aderito al progetto non come semplice location, ma con la convinzione che sia urgente, oggi, innovare il modo di fare formazione e il modo di fare i festival» ha spiegato Gianni Canova. «Stiamo pensando ad una forma di festival che scardini alcuni luoghi comuni, ma scardini anche un modo di concepire l’Università. IULM non solo accoglierà alcune iniziative del Noir in Festival, ma coinvolgerà gli studenti».

Joe R. Lansdale al Noir in Festival 2015

Joe R. Lansdale al Noir in Festival 2015

Naturalmente, il Noir in Festival 2016 si trasformerà nella struttura e nell’immagine, ma rimarrà fedele alla propria unicità, continuando a coniugare in un’unica manifestazione cinema, letteratura, fumetto, televisione, cronaca e storia.

«Milano non è un posto nuovo per il noir e sicuramente non lo è per il Noir in Festival» ha detto Marina Fabbri. «Per quanto riguarda la letteratura, noi siamo dominati dal grande nume tutelare del noir italiano, Giorgio Scerbanenco. A Milano abbiamo fatto tante mostre ed è stato uno sbarco molto naturale. L’incontro tra cinema e letteratura è sempre stato un elemento importante del Noir in Festival e lo sarà ancora di più in questa nuova formula».

Marina Fabbri ha anche sottolineato il desiderio di rendere il Noir in Festival 2016 un luogo di discussione sul tema della legalità, «una casa aperta a chiunque voglia discutere non solo di cinema e letteratura, ma voglia incontrare persone che nella realtà si confrontano tutti i giorni con il problema della criminalità».

Il Noir in Festival 2016 riproporrà il Concorso internazionale per il cinema con il Premio Noir 2016, rivolto alle novità più stimolanti del genere, le “Ombre di Luce” dedicate alla storia italiana (in collaborazione con Istituto Luce Cinecittà) e gli appuntamenti letterari delle “Conversazioni in nero”. 

Tra le altre sezioni del Festival, “Noir Series“, dedicata alle serie tv, “Young Detective”, rivolta ai ragazzi, e “Fight Club”, gioco a squadre interattivo per i migliori noir di sempre. Inoltre non mancheranno rassegne tematiche, laboratori e anteprime.

Il Noir in Festival 2016 sarà realizzato come sempre dalla Studio Coop e promosso dalla Direzione Generale Cinema del MiBACT, con il sostegno del Consorzio Como Turistica, dell’Associazione Amici di Como, dell’associazione Albergatori e con il patrocinio della città di Como.

Oltre alla partnership con la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano e Istituto Luce – Cinecittà, sono stati già presi accordi con l’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, l’Università dell’Insubria e lo IED Istituto Europeo di Design.

Naturalmente, si tratta di un progetto in fieri e nelle prossime settimane potrebbero essere coinvolte altre importanti realtà culturali di Milano e Como.

In attesa di altre novità, vi rimandiamo al sito ufficiale del Noir in Festival 2016.

Scroll To Top