Home > Recensioni > Il Pan del Diavolo: Supereroi
  • Il Pan del Diavolo: Supereroi

    La Tempesta Dischi / none

    Data di uscita: 17-02-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Un viaggio in macchina, di quelli che fai da solo e di notte, perché la notte ha sempre quell’alone di magia che ti avvolge come una coperta calda e ti fa sentire al sicuro; un viaggio lungo una strada vuota, magari a tutta velocità e con i finestrini abbassati, perché se si deve sognare, che almeno lo si faccia nel modo giusto. Il Pan del Diavolo sta sicuramente andando nella direzione giusta su questa lunga strada, con il nuovo album Supereroi, in uscita oggi 17 febbraio per La Tempesta Dischi.

Gli anni di sperimentazione e le importanti collaborazioni hanno favorito l’evoluzione stilistica del duo siciliano che dai suoni semplici e grezzi dell’ep del 2008, hanno portato ad una nuova eccezionale accuratezza negli arrangiamenti; in particolare, il lavoro in co-produzione con Piero Pelù si è dimostrato fondamentale per dare alla voce un’apertura sonora tale da poter sostenere l’energia istintiva e travolgente che scaturisce dall’album.

Crescita e nuova consapevolezza sono alla base di questo lavoro, che rimane sul genere folk e alternative rock, già a partire dall’omonimo brano Supereroi, incalzante e istintivo, che ti sbatte davanti ad uno specchio e ti chiede “cos’hai di diverso dagli altri”? Perché ormai nessuno lo sa più, con questo maledetto bisogno di sentirsi parte di qualcosa che porta ad uniformarvisi completamente. Allora i Supereroi non sono quelli dei fumetti, ma coloro che sono capaci di farsi strada nel buio come un “verme in una mela perfetta” e gridare al mondo la loro individualità.
Il Pan del Diavolo mantiene la sua identità in questo nuovo disco, dimostrando che la crescita è un processo naturale e si può esprimere con forza, ma anche con semplicità.

 

di Ilaria Sutti

Pro

Contro

Scroll To Top