Home > Rubriche > Compilation > Il più grande attore di sempre

Il più grande attore di sempre

Pare (pare) che sia appena uscito un film che nei Paesi civili si intitola The Crazies, e in Italia si intitola La Città Verrà Distrutta All’Alba. Detto film è un remake di un film degli anni ’70 che si intitolava The Crazies nei Paesi civili, e in Italia La Città Verrà Distrutta All’Alba. L’originale era di George Romero, che in Italia è conosciuto come La Città Verra Distrutta All’Alba Romero, mentre nel remake c’è Radha Mitchell, che in Ital


Sopra: gente nuda.

Tutto sommato non è che ci freghi molto di questo film, però la sua uscita ha permesso di riempire un intero paragrafo introduttivo e di giustificare ciò che verrà dopo.

Ciò che verra dopo

Vedete, ieri, sulla mia bacheca di Facebook, un amico ha postato questa cosa che vedete qui, amici lettori:


Qui, amici lettori, potete trovare l’immagine più grande.

Il film, che per chi è miope si intitola WEREWOLF IN A WOMEN’S PRISON, parla di non c’è bisogno di spiegarlo. Quel che davvero conta è che si tratta di uno dei capolavori di uno dei più grandi attori di sempre: VINNIE BILANCIO.


Simpatico figlio di buona donna, Vinnie.

Basta De Niro, basta Jack Nicholson e basta anche Clark Gable, è giunto finalmente il momento, per un sito di cinema SERIO come siamo noi, di parlare di un VERO attore, di un professionista della celluloide che ha ridefinito il significato stesso della parola «Recitare».


Così.

Ecco perché questa puntata di Compilation sarà dedicata a lui, VINNIE BILANCIO, e ai sette film migliori che abbia mai fatto.
[PAGEBREAK] 7.
Sorority House Massacre (Carol Frank, 1986), primo e ultimo film di Carol Frank. Perché, destino avverso, perché?

Il film, Vinnie a parte
Avete visto Halloween? Se sì, quello. Se no, vi spieghiamo la trama: un tizio massacra la famiglia tranne la sorellina che scappa. Il tizio viene arrestato. La sorellina cresce e va al college. La sorellina entra in una sorellanza (davvero). Ci sono scene lesbo. Dopodiché si scopre che la casa della sorellanza è…


ZAN ZAN ZAN ZAAAN!

… LA CASA DELLA SUA INFANZIA, DOVE IL FRATELLO AVEVA MASSACRATO LA FAMIGLIA!
Il resto potete immaginarlo, vi diremo solo che c’entra Godzilla.

Cosa faceva il buon Vinnie?
John.


Sopra: John.

John si distingue dagli altri personaggi del film perché ha un nome banale, che spicca in mezzo ai peculiari patronimici degli altri protagonisti: Beth, Linda, Sarah, Tracy, Bobby.


E Fluffy, il coniglio mannaro.

Altri particolari inquietanti
Sorority bla bla è il film di debutto di Vinnie Bilancio. «D’altronde,» deve aver pensato Vinnie «anche Johnny Depp ha cominciato con Nightmare».
Nel cast del film spicca poi Robert Axelrod. Chi è, chiedete voi? Non vi basta sapere che ha fatto il cattivo nel film dei Power Rangers, il mendicante nel video di Stranger in Moscow di Michael Jackson e il personaggio di Jennings in Blob?


TUTTO TUO, ROBERT.
[PAGEBREAK] 6.
Azira: Blood From The Sand (Vinnie Bilancio & Scott Evangelista, 2006). Esatto, il tuttofare Vinnie ha anche fatto il regista, nella sua carriera.

Il film, Vinnie a parte
Il film, Vinnie a parte, si intitola in realtà DIE, GARAGE BAND, DIE.


Sopra: davvero.

Il film, che si svolge nel deserto di Los Angeles, parla di Azira, una strega che aveva allevato un demone, si era sposata con il re del posto e poi era morta o qualcosa di simile.

IL DESERTO DI L.A. E IL RE DEL REAME DEL DESERTO DI L.A.

Ma aspettate, il film migliora! Perché Azira, sepolta nel deserto di Los Angeles (dove, vale la pena ricordarlo, un tempo c’era UN RE), viene risvegliata da una garage band che è andata nel deserto a registrare il suo nuovo disco.
Ah sì! Viene risvegliata perché l’unico modo per risvegliare Azira è versare del sangue di vergine sopra la tomba di Azira nel deserto di L.A. (DOVE UN TEMPO C’ERA IL RE), e ovviamente la garage band si porta con sé una vergine da sverginare nel deserto di L.A. (DOV


Sopra: per farla breve, fanno sesso qui.

Cosa faceva il buon Vinnie?
IL GUARDIANO, discendente dei preti che avevano intrappolato Azira nel passato.


GRANDE VINNIE.

Altri particolari inquietanti
Secondo l’informatissimo sito bmovieman.com,

«There is plenty of gore and violence with a nice smattering of nudity and sex»

nonché una certa abbondanza di Julie Strain, che per chi non lo sapesse


Ora lo sapesse.
[PAGEBREAK] 5.
Camp Blood (Brad Sykes, 1999). Se volete farvi un’idea di chi sia Brad Sykes consigliamo un bel giretto sulla sua pagina Wiki, sezione Filmography.

Il film, Vinnie a parte
Ci sono momenti, persino nella vita del migliore tra gli scrittori al mondo, in cui è necessario farsi da parte e lasciare che sia il talento di qualcun altro a raccontare una storia. In questo caso, sarà il premio Pulitzer dietro questa tastiera a chinare il capo di fronte alla mirabile sintesi fornitaci da Wikipedia:

«The movie begins with an unnecessary semi-pornographic scene between a guide and a random tourist who are birdwatching in the shades of Camp Blackwood. From out of nowhere, a clown appears and brutally murders them. This foreshadows the rest of the film»


BRAVO, Wikipedia. BRAVO.

Cosa faceva il buon Vinnie?
Eh, Vinnie Vinnie. In questo film, Vinnie recita il ruolo di Vic. Chi è Vic?


Lui?

Vic è BOH! Non si trova traccia da nessuna parte del ruolo di Vic in questo film. Però sappiamo che c’è, E QUESTO CI BASTA. Perché quello che davvero ci interessa è che Vinnie Bilancio sia vivo e lotti con noi. Ti amo, Vinnie Bilancio.

Altri particolari inquietanti
Il film è talmente bello che viene citato anche in Hell’s Highway (Jeff Leroy, 2002), un film in cui non c’è Vinnie Bilancio ma in cui la protagonista è PHOEBE DOLLAR — già vista in WEREWOLF IN WOMEN’S PRISON, e il cerchio si chiude — e in cui compare anche (ocio alla botta)…


Sopra: “la botta” secondo Google Immagini.

RON JEREMY.
[PAGEBREAK] Bonus track.
Ron Jeremy.

Il film, Vinnie a parte
Ron Jeremy non è un film, MA ha fatto un sacco di film.
Alcuni titoli? Hustler’s Untrue Hollywood Stories: Lindsay Lohan, Midgets Vs. Mascots, Tales from the Catholic Church of Elvis! (nel quale faceva LA VOCE DI DIO), The Witch’s Sabbath, Frankenstein vs. the Creature from Blood Cove e altri, be’, 1190. Tra i quali il preferito di chi scrive è, a mani basse, FRANKENPENIS.


Per qualche motivo, cercando Frankepenis su Google Immagini viene fuori STARSHIT POOPERS.

Cosa faceva il buon Vinnie?
Purtroppo i due non hanno mai recitato insieme. MA! I due hanno LAVORATO insieme, in Hell’s Highway, film nel quale VINNIE BILANCIO ha fatto il video tape operator, nascondendosi però sotto il nome finto di Vincent J. Bilancio.


Un sagace travestimento, arguto figlio di mignotta.

Altri particolari inquietanti
Ron Jeremy è una pornostar.
Ah sì, per chi non lo sapesse ha un cazzo enorme.


Sopra: Keira conferma.
[PAGEBREAK] 4.
Shellter (Dan Donley, 2009). Il film ottiene una strepitosa media voto di 8,5 (DAVVERO) su imdb. Non resta che dire BOH.

Il film, Vinnie a parte
Ci sono gli zombie.
No be’, in realtà è più complesso: rifugio antiatomico bla bla, donna che si risveglia nel rifugio bla bla, infermiera pazza bla bla, dottore ancora più pazzo bla bla, radiazioni che trasformano in zombie, robe orribili da fare per sopravvivere. Dice (dice) che c’è un sacco di sangue e di cose disturbanti. Purtroppo, su eMule non si trova, i Torrent sono lenti e su Google Immagini si trova solo questo:


Sopra: niente Vinnie.

Cosa faceva il buon Vinnie?
Joe.


Sopra: Joe, il fratello di John.

Seriamente, Vinnie Bilancio, perché hai recitato in decine di film e in nessuno di questi hai un nome (o un ruolo) degno di nota?
Perché sei un artista trasformista e pronto a farsi da parte se il ruolo lo richiede, ecco perché! Sei il mio idolo, Vinnie Bilancio

Altri particolari inquietanti
Praticamente tutti gli attori di questa piccola gemma dimenticata da Dio e dagli uomini non hanno foto su imdb né hanno recitato altrove.
MA!
C’è una stella nel cast, un fulgido esempio di come anche il più grande successo non riesca a offuscare, nei migliori attori, l’amore per il vero cinema, quello di denuncia, quello di qualità, quella là in fondo insomma.
E no, non stiamo parlando di Michelle Blum, già vista in Sex & Asparagus (davvero), né di Elizabeth Carlisle, famosissima per Supergator.
No, ci riferiamo a MARIA OLSEN, che ha recitato nel ruolo di HEDONA nello strepitoso Dragonquest e soprattutto come Mrs. Dodds in PERCY JACKSON E GLI DEI DELL’OLIMPO.


Words are very unnecessary.
[PAGEBREAK] 3.
Witchcraft XI: Sisters In Blood (Ron Ford, 2000). Nel caso ve lo steste chiedendo, «lots of nudity, and more blood than usual in the series; still not great, but OK».

Il film, Vinnie a parte
Stando a trashcity.org,

«Right from the start, the aim is clear: before dialogue or plot commence, there’s a sex scene. It’s comforting to realise that a failure to see the previous ten entries in the series will in no way impact your enjoyment»

Sempre stando a trashcity.org,

«I laughed like a drain when the witches raped a Catholic priest (including the immortal exchange: “Is there a fire?” “Only in your pants…”), and at how homicide detective Vanessa Lutz (Stephanie Beaton) gradually wears less and less clothes. Given sufficient beer, you may, too»

Poi pare ci sia una trama, che riguarda un detective e l’apertura dei cancelli dell’inferno.


Sopra: tipo così.

Cosa faceva il buon Vinnie?
Jay.


Sopra: te lo meriti, Vinnie.

Altri particolari inquietanti
Tra i protagonisti c’è anche Joseph Haggerty nel ruolo di (davvero) MONSIGNOR LAYTON.


Sopra: tipo così.

Inoltre, secondo imdb, il film

«Follows Witchcraft 7: Judgement Hour»

Al che noi diciamo EH?
[PAGEBREAK] Bonus track.
Witchcraft: la serie.

Il film, Vinnie a parte
I film, vorrete dire. TREDICI film, vorrete dire. I quali si intitolano Witchcraft I, II, III, IV, V, VI, 7, 8, IX, X, XI, XII, 13.


Sopra: eh?

Cosa faceva il buon Vinnie?
JAY, diobono. JAY.

Altri particolari inquietanti
Niente è più inquietante che scoprire che in Witchcraft XIII: Blood Of The Chosen recita Roxy Vandiver, famosa per aver avuto un ruolo anche in Killer School Girls From Outer Space, un film con…


OOOOOOO.

Ron Jeremy.
[PAGEBREAK] 2.
Blood Gnome (John Lechago, 2004).

Il film, Vinnie a parte

«Blood Gnome is an independent horror film, that combines the world of BDSM with bloodthirsty gnomes from another dimension»

Ora, siccome può darsi che vi stia sfuggendo qualcosa, riscriverò in altro modo quanto riportato sopra.
Blood Gnome è un film che parla di Daniel, un tizio che di mestiere fa fotografie sulla scena del crimine (ED È VINNIE BILANCIO!!!) e vuole svelare un mistero: perché alcune persone morte durante del sesso sadomaso abbiano dei segni sul corpo.


OOOOOOOO 2.

La spiegazione, come è OVVIO, è che i segni sono causati da gnomi assassini provenienti da un’altra dimensione, comandati da una DOMINATRIX TOSSICODIPENDENTE.

Cosa faceva il buon Vinnie?
IL PROTAGONISTA! IL PROTAGONISTA! IL PROTAGONISTA! IL PROTAGONISTA! IL PROTAGONISTA! IL PROTAGONISTA! IL PROTAGONISTA! IL PROTAGONISTA! IL PROTAGONISTA! IL PROTAGONISTA!


Tipo così, ma meglio!

IL PROTAGONISTA!

Altri particolari inquietanti
Non è facile trovare informazioni sul film. D’accordo, imdb ne fornisce eccome, ma a parte quello? Che ne dice, per esempio, WIKIPEDIA?
Be’, ne dice questo.
Esatto. Il film di cui VINNIE BILANCIO è protagonista indiscusso è stato cancellato da Wikipedia perché

«There aren’t any sources confirming it’s notability, and the subject doesn’t seem to distinguish itself from similar (unnotable) films»

Ora, per difendere il buon nome di Vinnie Bilancio non resta che fare una cosa: scrivere a Sandstein, l’utente che ha fatto cancellare la pagina, e COPRIRLO DI INSULTI.


FUCK YOU, SANDSTEIN.
[PAGEBREAK] 1.

Già, nessun film, ma solo una foto: la foto di Vinnie Bilancio.

Perché?
Perché, arrivati a questo punto, è giunto il momento di fare un bilan…


D’accordo, non lo scrivo.

È giunto il momento di riflettere su Vinnie, sulla sua carriera, su quale sia il suo ruolo in un mondo — quello del cinema — in costante cambiamento e con l’altrettanto costante necessità di punti fermi, di fari, di una luce che guidi registi, attori, truccatori e intercalatori degli schizzi verso vecchi lungometraggi tibetani del 1288, distopici spaccati dell’inutilità e dell’ingiustizia del modernismo di un ermetismo tagliente.
Il cinema ha bisogno di Vinnie Bilancio, dei suoi film, del suo talento. Come fare a scegliere quale sia il migliore tra Bio Slime, Deadly Scavengers, Copelessness, addirittura SHADOWS, dove con una mossa metafilmica degna di David Lynch il nostro Vinnie recita la parte di un regista di film?


«Bravo, Vinnie»

Non chiedeteci di decidere se sia meglio Psychon Invaders o Evil In The Bayou, nel quale Vinnie mise da parte il suo vero talento per dedicarsi al ruolo apparentemente marginale ma in realtà imprescindibile di TITLE DESIGNER.
Non chiedeteci di farlo, perché è impossibile, e lo sapete anche voi. Perché un grande è tale proprio perché tutto ciò su cui poggia l’occhio diventa oro, perché gronda talento anche quando non te ne accorgi, perché si chiama VINNIE BILANCIO.
Grazie, Vinnie, per averci insegnato cosa sia davvero il cinema.

Il tuo miglior film, Vinnie Bilancio, è la tua stessa vita.


«Ti amo, Vincent Bilancio». Firmato: Vincent Van Gogh.

Scroll To Top