Home > Report Live > Il set legno degli Uochi Toki

Il set legno degli Uochi Toki

Cos’è il SET LEGNO degli Uochi Toki e qual è la fortuna di incontrarlo?

Il set legno, mi spiega l’amico Sarmax, è quando i due Uochi Toki hanno con sé batteria e contrabbasso e il primo maggio alla Festa di Leno (BS) abbiamo avuto la fortiuna di poterlo vedere in azione (i ragazzi – spiega Sarmax – non portano il SET LEGNO ovunque, perché ha un costo che non sempre riescono ad affrontare).
Si tratta dell’OvO Bruno Dorella alla batteria e Lucio Corenzi al contrabbasso, che fanno da base ritmica alle già ritmiche basi del duo (bravissimo Rico).

Napo sale sul palco e fa il check usando sciogliingua (parla di 333 tigri) e poi il concerto inizia quasi in modo naturale. Si tratta di tutte le canzoni di “Cuore Amore Errore Disintegrazione: “Permettendomi Artifici Spontanei”, “No, Sto Sbagliando Qualcosa”, “Dando Origine Al Più Incomprensibile dei Mali”, “Gettandomi In Ambigue Immedesimazioni” (il pezzo più riuscito del set), ma anche brani da “Audiolibro”, quali “L’Osservatore”. Alcune improvvisazioni, qualche piccolo cambiamento.

Mi sento di citare Michele Seran: «Il “set-legno” è così, e a suo modo, il trionfo degli Uochi Toki, e – in ultima analisi – il nuovo standard dell’hip-hop di ricerca del panorama italiano, una danza monolitica attorno alla linea di confine (laddove la linea di confine rappresenta più cose, e non la sola intersecazione di generi), un richiamo sciamanico attorno alla contemporaneità spicciola, un moto micro-macro che precipita inesorabile in abissi terribili di accidia».

Scroll To Top