Home > Recensioni > Immolation: Majesty & Decay
  • Immolation: Majesty & Decay

    Immolation

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Pace all’anima vostra

Prosegue come uno schiacciasassi la carriera degli inossidabili deathsters newyorkesi Immolation.

“Majesty And Decay” non avrà magari l’incisività di alcuni dei suoi predecessori, ma la ferocia determinata e sorda ai compromessi del duo Dolan-Vigna, supportati da un set ritmico di assoluta precisione, non fa mai prigionieri. L’apertura terremotante della title-track è di quelle che lasciano il segno, ma ottime impressioni si sprecano anche per “In Human Form” e per le più complesse ed evocative “The Comfort Of Cowards” e “The Rapture Of Ghosts”. A voi la scelta.

La band dimostra ulteriore valore inserendo elaborati inserti chitarristici, in grado di impreziosire una musica che altrimenti sbatte contro i confini del brutal.

Un disco degli Immolation non può essere semplice da ascoltare e “Majesty And Decay” non fa eccezione. La sensazione è quella di avere tra le mani un lavoro di classe che brilli a tratti di luce riflessa. La band non ha certo qualcosa da imparare da qualcuno e si ripete un po’. Ma deludere i fan non è nelle corde degli Immolation.

Pro

Contro

Scroll To Top