Home > Recensioni > In Flames: Battles
  • In Flames: Battles

    Nuclear Blast / none

    Data di uscita: 11-11-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Battles, il nuovo album degli In Flames uscito l’11 novembre 2016 per Nuclear Blast, ci pone davanti, fin dal primo ascolto, un’ ulteriore forma stilistica che la band svedese ha voluto creare in questa nuova fase discografica.
Gli In Flames continuano così il loro percorso alla ricerca di un’evoluzione sonora e di songwriting, che arriva già dagli album precedenti, tuttavia mantenendo sempre una linea di riconoscibilità.
Uno stile consolidato che percorre una nuova strada. Principalmente la musica degli In Flames appartiene al momento, al singolo album, si rivela difficile ogni paragone con i lavori passati.

Il sound del disco risulta artificiale, elaborato e d’impatto. Motivi elettronici, alternanza tra scream e melodie della voce e riff incisivi su temi ben definiti della chitarra restano, in breve, una costante compositiva. Dinamiche ben programmate e ritmiche dense rendono Battles un album propulsivo, e vivo, ma a tratti spiazzante per quanto riguarda alcune scelte vocali e strumentali.
Gli In Flames inseriscono l’ascoltatore all’interno di una vena pulsante. Le tracce sembrano, infatti, avere nella loro spina dorsale una costante pulsazione che segna tutto l’album. Una battaglia interna che ci richiama all’affannosa ricerca dell’essere e dell’esserci. Questo, forse, si può riscontrare nei testi, che sembrano indirizzati verso una predisposizione a farsi delle domande, ad una voglia di lottare, ma considerare anche la resa, di combattere ed inciampare, di tenere in vita e  poi distruggere. Un mondo che sfugge come sabbia tra le mani, ma che vogliamo fare nostro per sentirci vivi e affermati. Coinvolti in continue battaglie o lotte interiori che ci dividono ancora una volta tra il ghiaccio e le fiamme.

Pro

Contro

Scroll To Top