Home > Zoom > Summer Festival 2012: In viaggio fra i migliori festival europei

Summer Festival 2012: In viaggio fra i migliori festival europei

La musica dal vivo non conosce crisi. Questo è quello che ci appare leggendo la programmazione dei festival per l’imminente estate 2012! Fra le numerosissime proposte, LoudVision ha fatto un duro lavoro di selezione arrivando a proporre una particolarissima top ten dei migliori festival che ci aspettano, come in un interrail musicale che ci porterà in viaggio per tutto il vecchio continente.
Biglietti alla mano, si parte!

SPAGNA – Barcellona
Primavera Sound - 30 Maggio – 3 Giugno
Il nome non mente: il festival che proponiamo è uno dei primissimi in ordine di tempo. È ancora primavera ma il caldo spagnolo sarà già pronto ad accompagnare questa cinque giorni. Apertura e chiusura saranno al Poble Espanyol, sulla collina del Montjuic, mentre il cuore della manifestazione sarà su diversi palchi collocati nel centralissimo “Parc Del Forum” insieme a Franz Ferdinand, Cure e Björk, headliner della rassegna. Insomma: ottima musica in un’atmosfera senz’altro festosa. E se la San Miguel -sponsor ufficiale- non vi gusta, si potrà affogare il dispiacere un una brocca di sangria ghiacciata.

FRANCIA – Parigi
Rock En Seine – 24-26 Agosto
Da un parco all’altro e questa volta siamo alle porte di Parigi. Decimo compleanno per il festival che vedrà protagonisti Placebo, Green Day, Noel Gallagher(‘s ecc.), The Black Keys, Foster The People e Sigur Rós. Nell’abbonamento (109€) è incluso il campeggio. In alternativa l’organizzazione garantisce un rientro sicuro in città: termine dei concerti prima di mezzanotte. In tempo per prendere l’ultima carrozza… del metrò!

BELGIO – Werchter
Rock Werchter – 28 Giugno – 1 Luglio
Risaliamo il continente per ascoltare Pearl Jam, Red Hot Chili Peppers, Editors e Cure, fra le band di spicco della scaletta belga. Cittadella e parco a 30km da Bruxelles, offrirà tre palchi zeppi di band e generi musicali, tanto da far gridare alla miglior scaletta di tutti i festival anche quest’anno (nel 2011 vinse il premio di “best line-up”). Kasabian, Incubus, Noah And The Whale, Dropkik Murphys, Noel Gallagher, Gossip, Mastodon, Blink-182 e Garbage, giusto per citarne altri e avvalorare questa tesi.

GRAN BRETAGNA – Isola di Wight
Isle Of Wight Festival – 20-24 Giugno
Tre palchi, diversi bar, una discoteca e… la spiaggia! Nel folcloristico ambiente dell’isola di Wight metteranno piede alcuni dei personaggi che sono in tour quest’estate: i “soliti” Noel Gallagher, Pearl Jam, Bruce Springsteen, ma anche i meno esposti Ash, The Darkness, Feeder e Madness. Scaletta mediamente british e biglietti in esaurimento.

OLANDA – Landgraaf
Pinkpop - 26-28 Maggio
Torniamo sul continente, ma rimanendo a nord il rischio è di spaventarsi dei prezzi. Il Pinkpop propone biglietti singoli a 85€ al giorno (160€ l’abbonamento) per vedere Anouk, James Morrison, Keane, Kasabian, Linkin Park, Soundgarden. Sì, anche Cure e il vecchio onnipresente Bruce. Tre palchi, numero perfetto a quanto pare, e una mega struttura (“Megaland” per l’appunto) che somiglia molto ad un ippodromo per ospitare il tutto. Che gli olandesi siano strana gente ce ne accorgiamo quando realizziamo che il festival sarà sabato-domenica e… lunedì! Se non altro sarà un ottimo modo di iniziare la settimana!

DANIMARCA – Roskilde
Roskilde - 5-8 Luglio (pre-festival “warm-up” dal 30 giugno al 4 Luglio)
“Roskilde Festival è qualcosa di diverso e molto di più che ubriachezza e ragazzi che sguazzano nel fango. Èun evento culturale che propone esperienze musicali variegate e che può essere d’interesse per chiunque, giovane o vecchio”
Il nome ci viene incontro per capire a che località dobbiamo puntare: Roskilde, cittadina a portata di treno dalla capitale danese (35km). Otto i palchi dedicati a diverse sonorità e quasi tutti coperti per prevenire il rischio pioggia. Troveremo l’elettronica al tendone Apollo (Friendly Fires, Schlohmo), rock al Pavilion (Behemoth, DevilDriver), Pavilion Junior invece per gli emergenti. E così via fino ad incontrare l’imponente struttura coperta “Arena”: tensostruttura da 17 mila posti. Immancabile poi un palco all’aperto per gli headliner principali (Björk, Cure e Springsteen, tanto per cambiare!).
Ci sono molti nomi minori, ma è un festival con gli attributi: apertura 24 ore al giorno per tutta la sua durata; campeggio incluso nel prezzo del biglietto e tutto il ricavato che verrà donato ad organizzazioni benefiche. I prezzi danesi però non perdonano: 900 corone in prevendita, ovvero 120€ al giorno, che diventano 140 ai cancelli. Molto meglio l’abbonamento: 250€ scarsi per nove giorni di musica.
[PAGEBREAK] GERMANIA – Eichenring (Brema)
Hurricane - 22-24 Giugno
È sempre dura trovare un festival tedesco che non sia votato all’hard-rock o al metal più pestati. Ma a ben cercare ce ne sono -e non pochi – di orientati a generi opposti. Non è il caso dell’Hurricane, che è invece una valida via di mezzo. Con una capienza di 75000 persone e 15 anni di storia alle spalle, si afferma come uno degli appuntamenti principali del centro Europa. Scaletta alla mano possiamo notare che lo sarà di certo per i punk-rockers.
Saliranno sui palchi “verde”, “rosso” e “blu”: Blink 182, Rise Against, Pennywise, Justice, The Kooks, Garbage, Noel Gallagher, The Stone Roses, Lagwagon, Zebrahead.
E chissà che anche quest’anno non diventi il festival preferito dagli artisti che vi hanno suonato: l’anno scorso l’Hurricane è stato eletto ai Festival Awards il “preferito dagli artisti”. Chissà quali ori e libagioni avranno trovato in camerino!

POLONIA – Cracovia
Coke Live Festival - 19-20 Agosto
Ci spostiamo verso est nell’affascinante Cracovia. Non ancora rinomata per grandi festival, la Polonia è una candidata ideale per entrare presto nell'”Europa che conta” della musica dal vivo. Dalla sua ha i prezzi bassi per quanto riguarda voli e costo della vita. Per non parlare dei biglietti: 30€ il giornaliero o 55€ per due giorni con campeggio. Cosa? Da noi con trenta euro non vai neanche a un singolo concerto? Ecco… ci siamo capiti!
Tre i palchi che vedranno esibirsi Editors, Kanye West, Interpol e White Lies (su quello principale) insieme a Kid Kudi, Parias e Gooral.

AUSTRIA – St. Polten
Frequency - 16-18 Agosto
Per la penultima tappa del nostro tour piantiamo le tende ad una sessantina di chilometri da Vienna, al Green Park di St. Polten. Ad un prezzo abbordabile (120€/3giorni) potremo ascoltare i prezzemolini Cure, Placebo, Beatsteaks, Mia., Casper ed un proliferare di altri nomi minori che non hanno trovato spazio in molti altri festival.

UNGHERIA – Zamàrdi
Balaton Sound – 12-15 Luglio
Ungheria è sinonimo di un festival ben preciso, conosciuto e riconosciuto come il migliore da tutto il continente. Ma dato che ve ne abbiamo parlato già gli scorsi due anni, vogliamo soffermarci su un altro dei numerosi festival che ravvivano la scena ungherese.
Balaton Sound prende il nome dall’omonimo lago su cui si affaccia. A differenza del Sziget, che si svolge su un’isola in mezzo al Danubio, in questo caso si può assolutamente fare il bagno, preferibilmente non “quando è buio o quando siete in stato di ebbrezza” (organizzazione dixit).
A parte i più neutrali Björk e Gossip a farla da padrone saranno elettronica e techno con Avicii, Sasha, Steve Agnello, Carl Cox, Digitalism e Dubfire.

Ci siamo. Dal suggestivo scenario del lago Balaton comincia il lungo ritorno verso le nostre città. Se ci distraiamo un attimo potremmo imboccare la strada al contrario e ritrovarci a Budapest nel mezzo del Sziget, o sulla fortezza dell’Exit in Serbia, o di nuovo in Spagna al Benicassim, per citare solo tre degli illustri esclusi della rassegna.
Invece il viaggio è terminato per davvero. Un lungo itinerario di fantasia in cui abbiamo esplorato il meglio dell’estate musicale che ci aspetta.

E tu, a quali festival andrai?

Scroll To Top