Home > Recensioni > Incrave: Dead End
  • Incrave: Dead End

    Incrave

    Data di uscita: 25-04-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Dead End”, ma promettente inizio

Formatisi nella città svedese di Edsbyn nel 2001, gli Incrave, il cui primo nome era Evergrace, hanno esordito nel 2006 con l’omonimo album che ha subito suscitato diverse e contrastanti reazioni da parte dei media e degli amanti del metallo pesante.
La band, che fin dal debutto sulle scene musicali si è esibita numerose volte anche al di fuori dei confini nazionali, è stata infatti quasi subito paragonata a gruppi quali i Tad Morose, i Nocturnal Rites e i Dream Evil per il suo sound potente e vigoroso.
Ciò non ha impedito al giovane sestetto svedese di cercare di affinare un proprio originale sound basato su sonorità ricercate e musicalmente elaborate come testimoniato fin dalla traccia di apertura del nuovo album “Dead End” registrato nello studio svedese EVG e distribuito in Europa da Metal Heaven.
Le dieci tracce si susseguono in un crescendo poderoso e incalzante, in puro stile power metal, e la band dimostra di aver raggiunto una maturità stilistica notevole e una capacità compositiva non comune per gruppi così giovani; i sei componenti degli Incrave sono infatti tutti poco più che ventenni.
Difficile non farsi coinvolgere dalla potenza e dall’energia che scaturiscono da brani come “An Empty Soul” o “Unveil The Truth”, così come impossibile non lasciarsi conquistare dalle sonorità più melodiche di “The Forgotten” e “Scream In Silence”. Gli Incrave promettono decisamente bene.
Allargare i propri confini attraverso musica di buona qualità – come questa – non fa mai male!

Scroll To Top