Home > Report Live > Incredibile MDNA MILF

Incredibile MDNA MILF

Vuoto subito il sacco, per rendere le cose più facili in seguito: a noi Madonna è sempre piaciuta, conosciamo i suoi singoloni e anche alcune tracce più ricercate, ma non siamo mai stati di quelli che hanno “Cercasi Susan Disperatamente” in VHS o che si tingono i capelli in simbiosi con Veronica Ciccone.
Eppure ieri abbiamo capito perché lei è LA REGINA.

Una 54enne così non pensiamo di averla mai vista né di averla immaginata, e per chi si sta chiedendo “Hellooo… ma voi li guardate i video??” la risposta è “si ma il video è montato, c’è la post produzione il caro vecchio photoshop, le pause ecc ecc“. Per citare un’amica “non puoi photoshoppare la vita vera“.
Madonna ha tenuto banco per due ore (e le si perdona pure l’ora e mezza di ritardo).

Ha ballato in maniera incredibile e mosso delle parti del corpo che non sapevamo neanche di avere. Il tutto continuando a cantare, passando da un decennio all’altro della sua carriera con la stessa facilità e scioltezza con cui Lindsay Lohan entra ed esce da Rehab e tribunali. Il palco, gigantissimo e imponente, piazzato al centro dello stadio permetteva una gran visuale, se poi non bastasse c’erano due maxischermi (tra i più grandi che abbiamo mai visto – leggete di seguito) che mostravano questa pazzesca Milf in tutto il suo splendore.

Il concerto si è aperto con una simil funzione religiosa, con coreografie e costumi molto dark da festival del latex, della pelle e del BDSM e, non chiedeteci come, ma appena lei è entrata in scena il tutto è diventato la cosa più eccitante che abbiamo mai visto. Per intenderci: l’abbiamo guardata mentre si passava una pistola e un fucile sul corpo (tette, culo e patata) e abbiamo realizzato quanto anche le armi possano diventare sexy ampliando il campo del possibile masturbabile.

Sullo sfondo IL maxischermo più grande della storia (vedi su) faceva scorrere dei visual, così belli da far ansimare tutti gli smanettoni della video art del mondo, su cui si fondevano i cubi ipertecnologici e le corde elastiche della scenografia. Cambi d’abiti abbondanti e alcuni immancabili, per Vogue oltre al completo maschile ha sfoggiato il bustier in lamina d’acciaio che addosso a lei sembrava seta. Ci siamo innamorati, e senza neanche il bisogno di vedere un seno, questa volta Miss Ciccone ha fatto la pudica.

Parlando di testosterone, molto probabilmente il picco si è raggiunto con il completo da Majorette su sfondo pop art, con cui Madonna ha eseguito “Express Yourself”, (durante l’esecuzione del pezzo si vocifera abbia lanciato una frecciatina a Lady Gaga). Lo spettacolo è partito sotto il segno di un’atmosfera cupa e con la svolta elettronica, seguita da un’infinità di scene religiose e profane; la finta messa iniziale ci ha fatto pensare che se il Papa (con tutto il rispetto) la domenica facesse qualcosa di simile forse sarebbe più felice anche il suo superiore. Il mood è cambiato più volte in maniera estremamente radicale ma senza disorientare nessuno: avevamo come aiuto il culo della regina che faceva da collante e ci teneva alta l’attenzione. Ha un fondoschiena indescrivibile che sembra costruito in CAD 3D.

Per bilanciare questo idillio e renderlo un po’ più vero abbiamo trovato due piccole pecche: Madonna Louise Veronica Ciccone dovresti andarci un po’ più tranquilla con il lifting, i tuoi occhi si stanno allontanando in maniera preoccupante. E il nuovo arrangiamento di “Like A Virgin” era un po’ una rottura di palle: pur comprendendo il pathos del momento, dichiariamo che a noi quel pezzo piace così spensierato, da cantare prima di darla via per l’ennesima volta.
Madonna ha cantanto i suoi pezzi credendoci tantissimo e mettendoci gran sentimento, per cui si chiude un occhio sulle due-tre stecche che ha preso in pieno; è stata brava a ruffianarsi il pubblico italiano gridando “Italians do it better” e spendendo qualche minuto a ringraziare lo Stadio, arrivando a dedicare una canzone d’amore ai presenti.

Concludiamo dicendo che chiamare un tour MDNA TOUR è qualcosa per cui Madonna merita di rimanere sul trono altri 20 anni.

Girl Gone Wild
Revolver
Gang Bang
Papa Don’t Preach
Hung Up
I Don’t Give A
Express Yourself
Give Me All Your Luvin’
Turn Up The Radio
Open Your Heart
Masterpiece
Vogue
Candy Shop
Human Nature
Like A Virgin
I’m Addicted
I’m A Sinner
Like A Prayer
Celebration

Scroll To Top