Home > Rubriche > Eventi > INTERVISTA | Elettra Lamborghini: “ho aspettato il momento giusto per lanciarmi”

INTERVISTA | Elettra Lamborghini: “ho aspettato il momento giusto per lanciarmi”

Correlati

Abbiamo incontrato Elettra Lamborghini al Festival di Sanremo. In gara con il brano “Musica e il resto scompare”. Ieri sera si è esibita per la prima volta sul palco dell’Ariston facendosi immortalare con un bellissimo vestito super aderente. Stasera si esibirà in duetto con M¥SS KETA con il brano “Non succederà più”.

La tua posizione in classifica non parla bene ma abbiamo notato che hai avuto problemi con la voce durante l’esibizione. 

Si ho avuto problemi di audio, e non mi sentivo bene in cuffia.

Hai altri progetti per i prossimi mesi?

Sicuramente con l’album in uscita ci saranno dei nuovi pezzi. Dipende poi dalle classifiche. A me piace far uscire musica nuova in continuazione.

Sei l’idolo degli adolescenti, senti un po’ la responsabilità di questo? Anche perché giochi molto con il tuo corpo..

No non mi sento molto responsabile, bisogna comunque stare attenti a scrivere su internet. Mi ritengo una ragazza qualsiasi. Non faccio distinzioni tra me, che sono una conosciuta, e un’altra ragazza.

Cosa ti aspetti dalla tua carriera musicale?
Dico sempre che è appena iniziata. A volte non mi godo il momento, ci tengo tanto e voglio sempre di più. Cercherò di dare sempre il meglio. Penso di aver fatto dei grandi passi rispetto al passato. Ho messo molto più impegno, sudore e lacrime.

Avevi già pensato ieri di far quel movimento durante la coreografia?

In realtà l’ho cambiata due giorni prima. Di solito non ballo con i tacchi. Non era un twerk ma uno shakeramento.

Abbiamo avuto l’impressione che ieri eri un po’ trattenuta, al di là dei problemi di audio.

Non mi piace guardarmi in televisione. Oggi mi sono vista bene ma ero emozionata, forse non tanto espressiva. L’abito non aiutava perché molto stretto.

Come ti prepari prima dell’esibizione?

Aerosol tutti i giorni. Mi sono ammalata una settimana fa. Lezioni private con il vocal coach tutti i giorni.

Cosa porterai stasera sul palco dell’Ariston, quale elemento è per te più importante, la prestazione vocale, la bellezza, l’abito…

Sicuramente la voce. La bellezza prima o poi svanisce e tra dieci anni ci sarà già la ragazzetta più giovane di me col sedere più alto. No dai più alto no (ride, ndr).

Che rapporto hai con Sanremo?

Lo guardavo sempre da piccolina con i miei genitori. Una canzone che ricordo bene è “Come Saprei” di Giorgia.

C’è una persona con cui vorresti duettare magari in una ballad, quindi non il tuo genere.
Con Laura Pausini, anche se siamo due mondi diversi. Però la amo. Mi rispecchio molto in lei.

Qual è la differenza tra essere in televisione come partecipante reality e come partecipante con un concorso canoro come Sanremo?

Quando mi chiedono, rispondo sempre che mi piace fare le cose per bene. Ho preferito salire sul palco con “Pem Pem”, anche se non mi aspettavo andasse così bene. La differenza non c’è in realtà. Non mi vedo cambiata. Molti artisti cambiano perché si sentono arrivati, io mi sento sempre al solito posto e credo sia una bene.

Scroll To Top