Home > Recensioni > Into the Woods

Correlati

Into the Woods” è la nuova commedia musicale Walt Disney Pictures: ci porta in un villaggio dove le storie di Cenerentola (Anna Kendrick), Cappuccetto Rosso (Lilla Crawford), Jack e il fagiolo magico (Daniel Huttlestone) e Raperonzolo (MacKenzie Mauzy, si intrecciano tra loro e con la vita di un panettiere (James Corden) e sua moglie (Emily Blunt), de sempre desiderosi di formare una famiglia, ma non prima di aver risolto il passato con la strega (Meryl Streep) che lanciò sulla loro casa un maleficio.

Il film, diretto da Rob Marshall e basato sull’omonimo musical di Stephen Sondheim, è in realtà una fiaba contemporanea che si avvicina molto di più alla realtà, senza però lasciare da parte magia e fantasia. Come se le fiabe presentate, nel tempo, fossero cresciute con il pubblico. L’elemento chiave sono i desideri ma anche le loro conseguenze, il lieto fine arriva con la realizzazione dei sogni di ognuno, ma le azioni compiute lungo il percorso non si annullano. L’intera storia, seppur divertente, affronta temi importanti e profondi e le scelte di ogni personaggio sono attentamente analizzate e sviluppate, nulla è lasciato al caso o svanisce per magia.

La musica è parte essenziale della narrazione, fin dal brano d’apertura che si sviluppa diventando un dialogo e poi nuovamente una canzone, stabilendo così, come afferma il regista stesso, il linguaggio dell’intero film. Il fatto che Rob Marshall sia anche coreografo ha sicuramente aiutato nella realizzazione delle scene, molto dinamiche e, come per la musica, perfettamente integrate nell’andamento della storia.

Maryl Streep è perfetta nel rappresentare le tantissime sfaccettature della strega: profonda, folle, triste, arrabbiata, saggia… Molto espressiva Emily Blunt, promettenti i giovanissimi Daniel Huttlestone e Lilla Crawford, forti nei loro personaggi e all’altezza del resto del cast. Divertente, infine, l’intervento di Johnny Depp come lupo affamato e astuto, alle prese con una Cappuccetto Rosso sicuramente un po’ meno ingenua da come la ricordavamo.

Una fiaba non più solo per bambini, che non dimentica di strappare un sorriso soprattutto ai grandi. Una storia che diverte e fa riflettere, che racconta la sua morale non più così lontana dalla realtà, ma sempre con la grande magia Disney.

Pro

Contro

Scroll To Top