Home > Recensioni > Iohosemprevoglia: Iohosemprevoglia
  • Iohosemprevoglia: Iohosemprevoglia

    Iohosemprevoglia

    Data di uscita: 01-06-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Clapponi

Monopoli. Non solo un gioco da tavola, ma anche un posto che esiste realmente, in provincia di Bari.
Nel ventunesimo secolo diviene il luogo di nascita di una band inizialmente punk, poi convertitasi alla legge dell’indie: cambio di nome, line-up ben definita, idee chiare.

Dopo aver partecipato alle selezioni di SanremoLAB nel 2008 – accedendo anche alle semifinali -, la vittoria del premio Vertigo l’anno successivo. Per terminare, varie esibizioni esponenzialmente importanti ed un lavoro che dimostra quanto faccia bene la gavetta nel campo musicale.
Il disco autoprodotto è un coktail di testi ironici ed ottimi arrangiamenti che non stancano mai l’orecchio di chi ascolta; quadretti di quotidiana follia, parole sensate ed amori.
Bello dall’inizio alla fine.

Non è vero che i cliché armonici attenuano il significato e l’efficienza di un messaggio scritto in note. Almeno, ciò non vale nel caso del quartetto italico, che, seppure giovane e con non troppa esperienza alle spalle, riesce a creare ambientazioni a suo modo originali e difficili da criticare negativamente. Le atmosfere seriose, alleggerite dai riff allegrotti delle chitarre e dal talento della sezione ritmica, si scontrano con la sarcastica autovalutazione di sé stessi.
Il risultato è un’invettiva nei confronti di chi nella vita si lagna e non intende smuoversi.

Pro

Contro

Scroll To Top