Home > Recensioni > Isis: Wavering Radiant
  • Isis: Wavering Radiant

    Isis

    Data di uscita: 05-05-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Sere di primavera…

Sere dal cuore pacifico… finestre aperte sulla strada della tranquillità, tra rondini e sole calante che di rosso infiamma le nuvole e di marmo trasforma il mare in cui annegherà.

Sere in cui dalla finestra provengono note di argentea vibrazione e serena melodia.
“Wavering Radiant” è proprio così: una sorta di visionaria pace, amante dei più intimi moti individuali; musica scrigno di immagini vive, musica dai contorni preziosi, tela curata dalle illustri menti degli Isis.
Al loro quinto album in studio, dopo aver prodotto successi come “Oceanic” e “Panopticon” e il più agrodolce “In The Absence Of Truth” tornano con una nuova esperienza che si rivela più brillante e riflessiva e al contempo visceralmente emozionante ed inebriante.

Suoni della mente, onde di pensiero e respiro, tra melodie raffinate e pacate che scandiscono i rintocchi di batteria, placida e fresca.
Ad aprire il baule delle emozioni “Hall Of The Dead” che vanta la partecipazione della mano e delle corde di Adams Jones, che presterà il proprio estro anche per le tastiere nella title track, regalando come già fece in precedenza il suo collega Justin Gunnar Walter Chancellor, quella venatura tooleggiante e poetica al sound, che rappresenta in larga parte il suono degli Isis.
Malinconia sfilacciata dalla logorante voce di Aaron Turner, che prende per mano l’ascoltatore e lo porta attraverso un mondo fatto di ombre, fantasmi e ricordi, forte della consapevolezza di possedere una voce in grado di traghettare al meglio le forti emozioni che si manifestano.
Incantevoli brani come “Ghost Key” e “20Minutes / 40years” conducono alla fine verso la vivida e livida “Threshold Of Transformation” innervata da campionature e giri di basso scheletrici e chitarre pulsanti; un lavoro distinto ed amato, elevato inoltre dal lavoro di mix e produzione di Joe Barresi.

Sulle ali delle rondini non solo cielo, prima dell’arrivo della brezza serale…

Se volete avere un trip a mente pulita e a cuore calmo questo è l’album giusto: avete presente quando dopo una giornata di caldo afoso per le stradine delle città si alza una lieve brezza ristoratrice ed in strada solo voi, i gatti e i suoni distanti di tv e di posate sui piatti?
Avete presente quella tranquillità totale che vi prende mentre cammiante senza pensieri?
Bene, rivivrete quell’emozione al play.

Pro

Contro

Scroll To Top