Home > Recensioni > James Vincent McMorrow: Post Tropical
  • James Vincent McMorrow: Post Tropical

    B.Y.O. Records / Self

    Data di uscita: 13-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

“Post Tropical” è il secondo album di James Vincent McMorrow. Dopo il fortunato esordio di “Early In The Morning” del 2011 e l’EP “We Don’t Eat” del 2012, James torna con un nuovo lavoro, che segna un evoluzione e un tentativo di distanziarsi dalle sonorità degli inizi. La registrazione avviene tra il Messico e il Texas e senz’altro la location dà un forte impatto al sound. Se nei primi lavori rischiava di sfigurare se messo a confronto con mostri sacri come Bon Iver e James Blake, “Post Tropical” rappresenta il tentativo di cercare una propria dimensione stilistica, lontana dalle strade già percorse. Rimane il falsetto, ma il sound si trasforma in una specie di R&B e soul, dove le percussioni hanno un’impronta esotica.

“Cavalier” è il primo singolo estratto e contiene tutti gli elementi di questa produzione. Una voce talmente dolce che potrebbe diventare violenta in un attimo. “All Points” rappresenta però uno dei brani più riusciti: le percussioni hanno un ritmo esotico, trascinante. Se chiudi gli occhi, in un attimo vieni trasportato sulle spiagge bianche di un paese tropicale. Resta tuttavia ancora troppo viva nella memoria l’eredità pesante di Bon Iver e delle sue melodie. Aspettiamo il prossimo lavoro per scoprire la direzione intrapresa da James.

Pro

Contro

Scroll To Top